mercoledì, 28 Luglio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaGraffiti, caso verso la chiusura

Graffiti, caso verso la chiusura

"La solidarietà della città di Gifu mi porta a dire: non parliamone più". Lo ha detto l'assessore alle relazioni internazionali Eugenio Giani sul caso dei graffiti in Duomo, dopo aver incontrato, a Palazzo Vecchio, il capo dell'ufficio esteri del Comune di Gifu, Masako Kano.

-

“Ringrazio per la sensibilità – ha detto l’assessore Giani – e per le lettere di scuse a seguito dell’episodio dei graffiti al Duomo che ha visto protagonisti studenti della Gifu University Women. La città di Gifu, con la quale Firenze è legata da un patto di amicizia sottoscritto da 30 anni, non è assolutamente responsabile del fatto ed è importante che abbia deciso di organizzare una visita di una delegazione di Gifu a Firenze”.

Nella prossima settimana, infatti, una delegazione formata dal rettore della Gifu University Women, due insegnanti e una ragazza protagonista dell’episodio, saranno a Firenze. “Un atto – ha sottolineato l’assessore Giani – che si somma alle scuse ufficiali e che rappresenta il modo migliore per chiudere la vicenda e per non scalfire un immagine negativa che Gifu non merita”.

Al termine dell’incontro il tradizionale scambio di doni: un giglio d’argento e un libro sulla storia di Firenze per la signora Kano che ha contraccambiato l’assessore Giani con un ventaglio.

Ultime notizie