martedì, 20 Aprile 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaI ladri di rame non...

I ladri di rame non risparmiano i cimiteri

Trecento metri di scossalina di rame, che serve a salvare gronda e muri sottostanti, sono stati trafugati da un cimitero: danni stimati in circa tremila euro. Ecco dove è successo.

-

I ladri di rame non risparmiano nemmeno i cimiteri.

IL FURTO. Trecento metri di scossalina di rame, che serve a salvare gronda e muri sottostanti, sono stati infatti trafugati dagli edifici della nuova sezione del cimitero di Malmantile (Lastra a Signa). Il custode della struttura, gestita dalla Misericordia, ha notato il furto il 15 marzo scorso. Secondo quanto riportato nel verbale di denuncia fatta ai carabinieri, la sottrazione di scossalina è stata compiuta da “ignoti malviventi”, che hanno “tagliato presumibilmente con una tronchessa parte della rete metallica della recinzione adiacente il terreno circostante al cimitero”.

NESSUN DANNEGGIAMENTO. A quanto risulta da un primo sopralluogo, il furto non sembra aver causato ulteriori danneggiamenti ai muri del cimitero. Una stima approssimativa del danno subito può essere quantificata in circa tremila euro.

L’AMPLIAMENTO. Con il primo lotto di interventi per l’ampliamento del cimitero di Malmantile – la nuova struttura è agibile per le tumulazioni dal giugno dello scorso anno – sono stati realizzati 314 loculi, 256 ossari e 78 fosse per inumazione, che coprono la quasi totalità dell’area a terra. La nuova sezione del cimitero è collegata a quella preesistente da una rampa di scale. L’investimento è stato di 610mila euro, comprendente opere architettoniche e strutturali, impianti elettrici e idrico-fognari, spese tecniche e di collaudo.

Ultime notizie