martedì, 22 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaI soldi del tram per...

I soldi del tram per il terremoto

A rischio, secondo quanto spiegato dal vicesindaco Giuseppe Matulli e dall'assessore Tea Albini, sarebbero 110 milioni per le linee 2 e 3 del tram, che il Governo ha deciso di destinare alla rinascita dell'Abruzzo.

-

Fondi del Governo a rischio per le linee 2 e 3 della tramvia. A lanciare l’allarme sono il vicesindaco Giuseppe Matulli e l’assessore al bilancio Tea Albini: quei soldi, infatti, dovrebbero andare alla ricostruzione dell’Abruzzo dopo il terremoto, secondo quanto stabilisce il decreto legge 39/2009, che prevede la revoca della concessione di mutui non ancora utilizzati dalla Cassa depositi e prestiti per ricostruire le zone colpite dal sisma.

Nella categoria – spiegano i due assessori – sono compresi anche i mutui “non ancora adoperati per effetto di ritardi burocratici da parte del ministero, per i quali tuttavia sono già stati assunti impegni attraverso gare e contratti, nonchè lavori di progettazione”, come nel caso di Firenze. “Un tale provvedimento, per quanto riguarda i casi citati, non è praticabile incidendo anche negli interessi delle imprese che hanno vinto le gare, sottoscritto i contratti e proceduto alle progettazioni in attesa della approvazione da parte del Ministero, e che quindi avrebbero diritto al risarcimento da parte dello Stato”.

La questione, insomma, è destinata ad andare avanti.

 

Ultime notizie