venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaIl buttafuori è donna. E...

Il buttafuori è donna. E diplomata

E' una studentessa di legge la prima donna a diplomarsi come buttafuori. Ventun anni, fiorentina, Dania Stefanini è una dei 23 allievi del primo corso del genere attivato a Firenze da Cescot Confesercenti.

-

La prima donna con licenza di buttafuori è fiorentina. Dania Stefanini ha 21 anni e questo lavoro le servirà per mantenersi durante gli studi di giurisprudenza.

IL CORSO. La ragazza è una dei 23 allievi del primo corso di questo tipo attivato a Firenze da Cescot Confersercenti. Lezioni teoriche in vari ambiti (dalla psicologia al primo soccorso), quelle seguite dagli “studenti” per ottenere il titolo di “addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico e in pubblici esercizi”.

LA NUOVA PROFESSIONE. La nuova figura introdotta, con apposito albo depositato in prefettura, è qualcosa a metà tra il mediatore e il normale buttafuori. Guardiani dell’ordine e vigilanti sull’abuso di alcol tra i frequentatori di pub e locali, più che altro, con la funzione di sorvegliare e chiamare soccorsi in caso che le cose comincino a mettersi male.

GLI ISCRITTI. Il 70% degli iscritti a questo tipo di corsi ha meno di 35 anni e quasi un terzo è composto da studenti universitari. In linea generale si tratta per la maggioranza di cittadini italiani, ma a Firenze hanno aderito anche diversi extracomunitari.

Ultime notizie