Il gruppo – che prima di esibirsi incontrerà la preside Simonetta Ulivieri, i docenti e gli studenti nell’Aula Magna della facoltà, alle 10 – è composto da sette ragazzi che si esibiranno in gag, numeri di magia, giocoleria e acrobatica, presentando anche l’importante testimonianza del loro passato di miseria e abbandono, da cui sono usciti grazie all’impegno del clown Miloud Oukili.

Le tournée sono organizzate da “Parada-Italia”, che sostiene Miloud nel suo impegno e che a Bucarest finanzia le attività a favore dei ragazzi di strada: la Caravana notturna, che distribuisce pasti caldi e garantisce assistenza medica ai senzatetto, gli Appartamenti sociali, in cui vivono i ragazzi che hanno scelto di abbandonare la strada, il Centro diurno, luogo di accoglienza, di formazione scolastica e di insegnamento delle arti circensi.

Scienze della Formazione, che ha promosso l’incontro, in diversi dei suoi corsi di Laurea si occupa di teatro di animazione e di attività ludico-educative che sono pensate per inserirsi nelle diverse realtà sociali. La presenza dei ragazzi di Bucarest nel chiostro universitario segnala l’attenzione dedicata dalla Facoltà al rapporto tra educazione, formazione e disagio sociale.