martedì, 1 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Il cocomero diventa un lusso

Il cocomero diventa un lusso

Firenze è la città più cara per quanto rigurada frutta e verdura

-

Il vertiginoso aumento dei prezzi non si ferma nenache di fronte alla tradizionale fetta di anguria. Mangiare una fetta del tradizionale frutto estivo, a Firenze, è diventato un lusso. Nella nostra città, infatti, l’anguria ha un costo, all’ingrosso, nettamente superiore rispetto agli altri capoluoghi italiani. Il prezzo del cocomero si aggira attorno ai  28 centesimi al chilo, vale a dire quasi il 50% in più rispetto a città come Verona, dove per lo stesso chilo di anguria, all’ingrosso, sono necessari poco più di 15 centesimi.

Il dato emerge da una ricerca compiuta dall’osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo Economico, che fotografa l’andamento dei prezzi nei mercati all’ingrosso delle principali città. Firenze, purtroppo si classifica prima, la città dove il cocomero costa di più, a seguire i 25 centesimi di Padova e Torino per scendere fino ai 20 centesimi di Roma e Milano fino ai circa 15 di Verona. Con una consolazione nel confronto europeo: le fette di anguria italiane sono comunque molto più convenienti di quelle del resto d’Europa. Lo stesso chilo di frutto a Parigi – e sempre sul mercato all’ingrosso – costa infatti 1 euro mentre a Barcellona ci vogliono 63 centesimi, ad Amburgo 55, a Monaco 62 ed a Lione 70 centesimi. 

A Firenze spetta anche il primato del costo più alto per l’insalata.  I pomodori ciliegini  vedono il capoluogo fiorentino al top dei mercati all’ingrosso esaminati nella rilevazione di Mr Prezzi con 1,8 euro al chilo contro i 85 centesimi di Milano e Roma. La città é sui massimi anche per carote, finocchi, lattuga e peperoni.

Ultime notizie

Spostamenti tra comuni con il nuovo Dpcm: novità dopo il 3 dicembre

In via di definizione le regole per gli spostamenti sotto le feste natalizie. Sul tavolo varie ipotesi anche per la circolazione tra comuni vicini in zona arancione e rossa

Saldi 2021: in Toscana inizio il 30 gennaio, promozioni consentite già da Capodanno

L'inizio ufficiale dei saldi 2021 in Toscana è fissato per il 30 gennaio, ma sarà permessa maggiore flessibilità sulle promozioni già dal 1°

Coop e il crowdfunding per finanziare la ricerca sul Covid

Al via l'iniziativa di crowdfunding organizzata nei supermercati del gruppo Unicoop per finanziare la ricerca di un antidoto al coronavirus

Covid Toscana 1° dicembre, contagi ancora in calo. Ma meno tamponi

I primi dati dal bollettino della Regione: il coronavirus sembra frenare in Toscana. In diminuzione il rapporto tra positivi e test