Fashion victim e viziati del lusso lo sanno, spendere e spandere non è tanto il caso, con quest’aria di crisi. E poi non è neanche più di moda. Oggi il lusso non si compra più, fa troppo borghese, meglio affittarlo.

Ad andare per la maggiore in questo campo sono le borse griffate, gli oggetti d’arte e lo chef a domicilio. Vezzi che molti di noi credevano confinati dall’altra parte dell’Atlantico, o meglio ancora, negli scintillanti episodi di qualche serie televisiva. Aggiudicarsi una borsa all’ultimo grido invece non è un sogno poi tanto irraggiungibile. Per sfoggiare uno dei famosi bauletti di Louis Vuitton bastano 50 euro a settimana, 130 per un mese, a cui bisogna aggiungere le spese di spedizione. Sottoscrivendo un abbonamento di tre, sei o dodici mesi si può usufruire però di un notevole sconto. Il pagamento si effettua online tramite carta di credito e la borsa prescelta arriva direttamente a casa per mezzo di un corriere, a cui viene restituita al termine del periodo di noleggio.

In rete l’offerta è veramente ampia: MyLuxury.biz, uno dei primi siti a fiutare l’affare in Italia, mette a disposizione una quarantina di modelli a partire da 15 euro alla settimana (ma più spesso il prezzo si aggira attorno ai 50-60).

“Noleggiamo circa 60 borse al mese e le nostre clienti sono dislocate in tutto il paese – spiega Elena Franchelli, Account Manager – La nostra clientela ha un’età media che va dai 25 ai 45 anni e spazia tra chi noleggia l’oggetto di pregio per l’occasione speciale e chi semplicemente ama cambiare spesso accessori senza spendere cifre da capogiro”.

Non più fashion victim, insomma, ma recession victim. Il business invece amplia gli orizzonti e cerca di conquistare nuove fette di mercato: c’è anche una vetrina per “lui”, in cui fanno bella mostra di sé tracolle e valigette dai  loghi ben riconoscibili.

C’è poi chi all’accessorio all’ultima moda preferisce poter mostrare ad amici e parenti in visita una dimora di classe, magari ornandola con qualche quadro d’autore.

Se le tele sono in affitto, costruirsi la propria collezione privata non è più roba da zar e zarine. TheMovingArt.com, con sede anche a Firenze, noleggia copie delle opere più celebri. L’ordine si fa ancora una volta online e l’affitto minimo è di tre tele per tre mesi. C’è solo l’imbarazzo della scelta: oltre alle copie di anfore e altri reperti archeologici, il catalogo contiene le riproduzioni su tela di celeberrimi affreschi come “L’ultima cena” e “La creazione di Adamo”.

Certo in questi casi è dura far passare l’imitazione per l’originale. Se il tentativo è quello di stupire gli ospiti meglio puntare su opere almeno vagamente più abbordabili, come “La coppia al parco” di Botero, noleggiabile con 23 euro al mese. Più caro Cezanne: 29 euro il canone per ogni tela. Per la “Dance class” di Degas vale la pena spendere qualcosina in più: 45 euro al mese. Se poi ci si dovesse affezionare all’opera, appenderla definitivamente al muro di casa ci costerebbe quasi mille euro. Infine per invitare gli ospiti ad ammirare la piccola galleria d’arte si può “noleggiare” anche lo chef. Il menu si concorda prima e il cuoco porta con sé tutto il necessario per imbandire la cena. Altro piccolo lusso: quello di non cucinare né lavare i piatti.