domenica, 28 Novembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaIl Pd toscano per i...

Il Pd toscano per i pendolari

Mobilitazione del Pd sull'importanza el trasporto ferroviario per moltissimi lavoratori pendolari. Si chiama "A quando l'altra velocità" e toccherà le stazioni di gran parte dei capoluoghi della Toscana.

-

La mobilitazione vuol porre l’accento sull’importanza che il trasporto ferroviario riveste per moltissimi lavoratori  pendolari.

“L’obiettivo della campagna è di ascoltare i 220 mila pendolari sulle tratte ferroviarie toscane per una vera e propria vertenza nei confronti del Governo. La regione da anni, con investimenti propri,  garantisce più di ogni altra regione italiana la qualità del trasporto ferroviario regionale ma qui occorrono risorse nazionali e non promesse o parole, per rispondere alla grande voglia di treno”, spiega Erasmo D’Angelis. “Il Pd toscano- aggiunge Valerio Vannetti- è fermamente convinto che la misura dell’efficienza del sistema ferroviario non la potrà mai dare soltanto l’Alta Velocità, bensì l’ammodernamento e l’allineamento del trasporto regionale ai sistemi degli altri paesi europei. Ad oggi l’Alta Velocità movimenta il 5% totale degli utenti ed è l’ora di pensare a tutto il popolo dei pendolari”.

Già tantissime le cartoline “A quando l’altra velocità” inviate alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e oltre 3 mila, da parte dei pendolari toscani, le risposte al questionario in cartaceo distribuito nelle tappe del Pd nelle maggiori stazioni toscane e nei centri di maggior presenza dei pendolari, e soprattutto on line sul sito dedicato alla campagna www.binaridellatoscana.com .

La mobilitazione del Pd dalla parte dei pendolari toccherà domani, venerdì 27 febbraio, la stazione di Empoli ( ore17 ) e il prossimo lunedì 2 marzo la stazione di Pisa ( ore 17 ). Il 6 marzo il Pd sarà presente alla stazione di Prato (ore 17 ), il 9 a Livorno ( ore 17 ), il 13 a Siena ( ore 17 ) e il 16 ad Arezzo ( ore 17 ).

Ultime notizie