Home Sezioni Cronaca & Politica In memoria dei carabinieri martiri di Fiesole

In memoria dei carabinieri martiri di Fiesole

Sacrificarono la propria vita per poter salvare dieci ostaggi nelle mani dei tedeschi. Saranno riconrdati come ogni anno i tre carabinieri La Rocca, Marandola e Sbarretti. La commemorazione avrà luogo domani, 14 luglio, a Fiesole.

Era il lontano agosto del 1944, quando la liberazione di Firenze era ormai prossima. Un passato più recente di quel che si possa sembrare. Da qualche mese, i carabinieri della Stazione di Fiesole, pur continuando a svolgere compiti di istituto, avevano iniziato a  cooperare con la Resistenza, fornendo armi, viveri e informazioni e, in alcuni casi partecipando ad azioni dirette a mettere in difficoltà i nazifascisti.

Fu in Agosto che Sbarretti, Marandola e La Rocca, su consiglio del vice brigadiere Amico, si allontanarono dalla caserma per passare le linee nemiche e unirsi agli Alleati. Non ci riuscirono e, quando vennero a sapere che il Comando tedesco aveva dichiarato di uccidere i dieci civili presi in ostaggio, se non fossero rientrati in caserma, decisero di tornare a Fiesole e di presentarsi ai tedeschi, pur consapevoli della sorte che li attendeva. Furono fucilati.  

Si terrà domani, 16 luglio, la cerimonia di commemorazione per celebrare il 65mo anniversario dalla loro morte, a cui parteciperà il vicepresidente del Consiglio regionale Angelo Pollina. L’appuntamento è per giovedì 16 luglio alle 10.30, presso la cattedrale di San Romolo.