mercoledì, 22 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaInflazione ancora giù, generi alimentari...

Inflazione ancora giù, generi alimentari in saldo

Prezzi ancora in discesa in novembre a Firenze. L'inflazione fa registrare ancora una volta il segno meno, con -0,2%, mentre ad ottobre si era fermata a -0,1%. A segnalarlo è l'Ufficio comunale di statistica. Ribassi soprattutto per strutture ricettive e di ristorazione (-2,5%) e generi alimentari (-0,4%), mentre sono in aumento i trasporti.

-

Per il quinto mese consecutivo quindi la variazione annuale rimane, anche se di poco, negativa.

RISTORANTI E HOTEL IN SALDO. In particolare, nei servizi ricettivi e di ristorazione si conferma anche per questo mese il forte calo del prezzo degli alberghi: la variazione mensile rispetto a ottobre 2009 è di -10,3%. Per questo prodotto rimane negativa, pari a -8,9%, anche la variazione annuale rispetto al mese di novembre del 2008.

PESCE A PREZZI STRACCIATI. Nel capitolo dei generi alimentari e delle bevande analcoliche si registrano cali piuttosto consistenti per le patate (-0,5%), per il pesce fresco (-4,1%), per gli ortaggi (-1,6%) e per la frutta (-0,8%). La variazione annuale passa da -0,5% di ottobre a -0,1% di novembre.

COSA AUMENTA: ORO E TRASPORTI. Il forte aumento del capitolo (+0,5%) è causato dall’aumento dei carburanti (+3,1%) e della riparazione dei mezzi di trasporto (+0,5%). In diminuzione i trasporti aerei (-8,9%). Nel capitolo degli altri beni e servizi si segnalano i forti aumenti per l’oreficeria (+3,5%), dovuto al forte aumento del prezzo dell’oro, e delle spese di culto (+3,2%).

I NUMERI DELLA RICERCA. La rilevazione si è svolta dal 1° al 21 del mese di novembre su oltre 900 punti vendita (anche fuori dal territorio comunale) appartenenti sia alla grande distribuzione sia alla distribuzione tradizionale, per complessivi 11.600 prezzi degli oltre 900 prodotti compresi nel paniere. Sono poi considerate anche quotazioni di prodotti rilevati nazionalmente e direttamente dall’Istituto Nazionale di Statistica. I dati dovranno essere confermati dall’Istat.

Ultime notizie