Ingrid Betancourt a Firenze per il Meeting dei Diritti Umani. Sarà infatti lei la protagonista dell’edizione 2008 dell’evento, che si terrà il 16 dicembre al Palamandela di Firenze. “Diritto ai diritti” il tema di questa XII edizione, che cade nell’anno del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo. Un tema che la Betancourt incarna con la sua vita ed il suo impegno, dapprima nell’opera svolta come parlamentare in Colombia, poi durante la detenzione nella foresta colombiana ad opera delle Farc, e ancora dopo la sua liberazione, avvenuta dopo oltre 6 anni nel luglio 2008.

Per questo, la Regione Toscana le conferisce il Pegaso d’Oro e per questo ne sostiene la candidatura per il Nobel per la pace 2009. Ad ascoltare l’eroina colombiana “simbolo della difesa dei diritti umani”, ci saranno al PalaMandela migliaia di ragazzi provenienti dalle scuole medie e superiori di tutta la Toscana. Quest’anno saranno in totale 9207.

Come di consueto, il Meeting vedrà la presenza di numerosi ospiti, testimoni qualificati sul tema dei diritti, che saranno intervistati da Gad Lerner. L’arrivo del presidente della Regione, Claudio Martini, è previsto intorno alle 10,30. Alla stessa ora sono in scaletta anche i saluti del presidente del Consiglio regionale, Riccardo Nencini e quelli del sindaco di Firenze, Leonardo Domenici. Poi spazio ai ragazzi dalla sala e spazio alle testimonianze dei ragazzi, italiani e stranieri, che hanno partecipato al progetto “Un cuore si scioglie”, lanciato da Unicoop Firenze.

Fra le personalità che saranno intervistate da Gad Lerner ci sono giuristi come il presidente emerito della Corte costituzionale, Valerio Onida e come Antonio Cassese esperto di diritto costituzionale di fama mondiale, storici come Marcello Flores, personalità impegnate sul tema dell’affermazione e del rispetto dei diritti umani in tutto il mondo. Fra questi David Roosvelt, nipote del presidente degli Stati Uniti Franklin Delano Roosvelt, il presidente del New Deal e di sua moglie Eleanor, che è stata una delle principali artefici dell’approvazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani da parte delle Nazioni Unite.

Ci saranno inoltre padre Dario Echeverry, colombiano, insignito della Legion D’onore dal presidente francese Sarkozy per l’opera svolta in Colombia per la pace e la liberazione della stessa Betancourt e degli ostaggi delle Farc. Ci saranno inoltre la giornalista Farian Sabahi, specializzata sui temi dei diritti nel mondo mussulmano, Aryeh Neier presidente della Soros Foundation, Samia Kouider, algerina, collaboratrice del Ministero delle Pari Opportunità, Paolo Pobbiati, presidente della sezione italiana di Amnesty International, Irene Milleiro, responsabile di una confederazione di Ong che lavorano sul tema dei diritti, Speedy Rice, avvocato conosciuto nel mondo in particolare per la sua battaglia contro la pena di morte.

Il meeting al PalaMandela si concluderà intorno alle 13. Nel pomeriggio dalle 18 alle 19,30 ci sarà un prolungamento a palazzo Strozzi-Sacrati, dove si svolgerà una diretta della popolare trasmissione di Radio Rai 2 Caterpillar. Vi parteciperanno gli ospiti del Meeting e una delegazione di studenti.