martedì, 22 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & Politica"La carne di maiale è...

“La carne di maiale è sicura”

Massima attenzione e rafforzamento dei controlli in Toscana in relazione alla febbre suina che sta colpendo il Messico e che ha fatto scattare l’allerta sanitaria negli Stati Uniti. L’unità di crisi assicura, comunque, che non c’è nessun allarme e invita a non farsi prendere dal panico. Allo stesso tempo, si consiglia di limitare al massimo i viaggi nelle zone interessate dalla malattia.

-

Da ieri, inoltre, i circa 8.000 allevamenti di suini presenti sul territorio toscano sono sottoposti a una sorveglianza rafforzata.

Dall’assessorato al diritto alla salute, come negli anni passati (quando il rischio pandemico era dovuto all’influenza aviaria), giunge la rassicurazione che tutte le carni, in particolare quelle suine fresche o trasformate, non costituiscono alcun rischio per i consumatori: i cittadini possono quindi continuare a fidarsi del proprio macellaio di fiducia, sia nelle piccole macellerie che nella grande distribuzione.

Per quanto riguarda la salute dei cittadini, per mercoledì prossimo sono convocate la Commissione regionale per le strategie vaccinali e la prevenzione delle patologie infettive, gli infettivologi e il Comitato pandemico regionale, per valutare l’attuale situazione epidemiologica e definire gli scenari che possono riguardare la Toscana.

Da alcuni mesi la Toscana si è dotata (con la delibera 1198/2008) di un suo Piano Pandemico che detta le linee di indirizzo per tutto il sistema sanitario regionale, per rispondere con prontezza ed efficienza ad eventuali situazioni di crisi che dovessero verificarsi. Oltre ai piani già operativi in ogni azienda per le maxi emergenze, si attiveranno, se la situazione epidemiologica dovesse richiederlo, le unità di crisi aziendali per la pandemia. Il Settore farmaceutico della Regione, sottolinea ancora l’assessore, ha a disposizione da mesi una scorta di farmaci antivirali.

Ultime notizie