mercoledì, 8 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaL’altra Firenze, vita ai confini...

L’altra Firenze, vita ai confini della metropoli

Viaggio nella "periferia della periferia", tra borghi, frazioni e... paradossi.

-

L’atmosfera è d’altri tempi. Gli abitanti si chiamano per nome. Il fornaio, l’edicolante, il circolino: sono loro i protagonisti della vita della comunità. La città sembra lontana, per raggiungerla bisogna prendere la macchina o il bus, se si ha la fortuna di avere una fermata a tiro di schioppo. Non siamo né in aperta campagna né spersi sulle colline toscane. Ci troviamo a Firenze. Qualche strada più in là c’è la vita frenetica della metropoli, i super- condomini, il frastuono del traffico. Ma dietro l’angolo ecco spuntare piccoli “paesi”, immersi nella grande città: Nave a Rovezzano, Ponte a Ema, Quaracchi, Cascine del Riccio.

I BORGHI CITTADINI. La lista è lunga. Si passa dalla periferia della periferia (il Galluzzo, ad esempio, ultimo avamposto fi orentino prima dei colli chiantigiani) ai borghi che con il passare degli anni sono stati circondati dalle moderne costruzioni (Peretola e San Lorenzo a Greve, per fare alcuni nomi), fino a quelli che sono rimasti intatti (come Pian dei Giullari). I piccoli centri di ieri sono la periferia popolare di oggi. Brozzi (nella foto di Giuseppe Della Maria) fino al 1928 è stato un comune autonomo. Sedici chilometri quadrati che, all’inizio del secolo scorso, comprendevano le frazioni di Quaracchi, Petriolo, Peretola (poi inglobate da Firenze) e alcune località che attualmente ricadono sotto amministrazioni limitrofe (San Donnino e Osmannoro).

ROVEZZANO. Ma Palazzo Vecchio ha strappato ai vicini altri territori. È il caso di Rovezzano, al confine orientale della città, nata da una costola di Bagno a Ripoli, da cui fu staccata all’inizio dell’Ottocento per diventare comune autonomo. Sessant’anni dopo fu “mangiata” da Firenze. Da qui (un tempo con un traghetto, oggi con il viadotto di Varlungo) si raggiunge Nave a Rovezzano.

NAVE. Un piccolo borgo di “frontiera”: da una parte c’è Firenze, dall’altra Bagno a Ripoli. I servizi non sono a portata di mano, per fare un certificato o pagare una bolletta è necessario prendere la macchina o il bus – raccontanoi residenti – ma c’è l’imbarazzo della scelta, almeno sul fronte postale: gli abitanti si dividono tra chi sceglie l’affollato ufficio di viale Europa e chi, invece, preferisce sconfi nare a Bagno a Ripoli, dove la coda è limitata. Alcuni – ci spiegano – vivono proprio sul confi ne e le lettere arrivano a destinazione sia con il cap di Firenze che con quello del comune limitrofo.

AL CONFINE CON… Un rompicapo per i postini è pure Pian di San Bartolo. L’agglomerato di case che sorge subito dopo Trespiano, lungo via Bolognese, ufficialmente  appartiene a Fiesole, dove ricade la gran parte delle abitazioni. Di fatto, però, una manciata di edifi ci che originariamente facevano parte della frazione sono governati da altre amministrazioni. Un’unica “famiglia” spezzettata su quattro comuni diversi e quindi con differenti tasse locali: la maggioranza ha “casa” a Fiesole, una parte a Firenze, un’altra porzione è stata strappata da Sesto e un’ultima, più a nord, appartiene a Vaglia.

PARADOSSI “STRADALI”. Risultato: uno strano caso, come quello di via della Docciola. Chi abita ai numeri dispari è sotto la giurisdizione del Giglio, ma basta attraversare la strada e tutto cambia. I vicini dei pari dipendono da Fiesole. E non è fi nita. Proseguendo per altri 400 metri, ecco i cugini sestesi.

Ultime notizie