lunedì, 10 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaL'amore sul lavoro? Fa bene...

L’amore sul lavoro? Fa bene alla carriera

Separare amore e carriera? Niente di più sbagliato. Secondo un sondaggio svolto da Adecco in tutta Italia, avere una storia sentimentale o ancor meglio una famiglia aiuta a interagire meglio con i colleghi e a fare carriera.

-

Separare amore e carriera? Niente di più sbagliato. Secondo un sondaggio svolto da Adecco in tutta Italia, avere una storia sentimentale o ancor meglio una famiglia aiuta a interagire meglio con i colleghi e a produrre di più.

COMPAGNI DI SCRIVANIA. Già da un sondaggio dello scorso anno, svolto sempre da Adecco, emergeva che il 62% dei candidati trova l’amore sul posto di lavoro. Adesso risulta che le storie d’amore fanno bene agli affari. A sostenerlo è l’85.53% dei 1.100 fra candidati e lavoratori Adecco in tutta Italia, a cui si aggiungono 100 responsabili risorse umane di aziende clienti, che hanno partecipato alla ricerca.

SODDISFAZIONE. Alla domanda “la soddisfazione professionale fa bene all’amore?” l’83.63% del campione ha risposto di si, e non solo per chi ha già trovato l’anima gemella. Infatti a pensarla così sono anche il 24% dei single. 

PRODUTTIVITA’. E non si creda che a lasciarsi influenzare da Cupido sia prevalentemente il gentil sesso: il 54.70% dei partecipanti al sondaggio, infatti, pensa che l’appagamento sentimentale influisce sul lavoro e sulla produttività sia delle donne che degli uomini.

ETA’. A fare la differenza invece sono età ed esperienza: a sostenere che l’amore fa bene al lavoro sono soprattutto i trentenni (38%), mentre sembrano più disillusi gli over 40 (16,25%) e 50 (4%).

CONVIVENTI. A credere, inoltre, nel potere dell’amore per una carriera brillante e di successo è soprattutto chi già è innamorato: il 37% tra coloro che sono sposati o conviventi – con o senza figli – seguiti dal 36% di chi è fidanzato. Secondo il 52.92% degli intervistati, chi ricopre ruoli ai vertici delle aziende è sposato o convivente con figli, mentre per la restante parte è divorziato o single.

ENERGIE. Tuttavia, alla domanda “chi ha più possibilità di far carriera”, il 67.78% ha risposto un single perché chi non ha una situazione sentimentale stabile ha più tempo ed energie da dedicare alla scalata della propria carriera, mentre solo 12.81% crede abbia più probabilità chi è sposato o convivente con figli.

SUBALTERNI. Nei ruoli di responsabilità e leadership, per il 70.94% degli intervistati, chi ha una famiglia stabilisce un rapporto migliore con i subalterni. Mentre se per il 50.90% la situazione sentimentale non influisce sui rapporti con i colleghi, per il 37.09%  chi ha una relazione stabile interagisce meglio a livello di team.

COSI’ FAN TUTTI. Dal punto di vista geografico i più distaccati nei confronti dell’amore sono gli abitanti del Trentino Alto Adige: per il 40% di loro l’amore non influisce sulle performance professionali. Ma non ci sono grosse differenze per gli italiani: da nord a sud, dalla Lombardia alla Sicilia, l’amore fa bene al lavoro secondo l’oltre 80% degli intervistati.

Ultime notizie