mercoledì, 24 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Lavoro, tempi sempre più duri...

Lavoro, tempi sempre più duri per gli under 24

Continuaad aumentare il ricorso alla cassa integrazione, ma tornano a crescere le assunzioni, riportando la regione ai livelli del 2008, anno di avvio della crisi. Per i giovanissimi la situazione resta difficile: per gli under 24 una perdita di 5 punti percentuali rispetto al 2009. Va meglio alla fascia fra 25 e 34 anni. Lo dicono i dati del terzo trimestre 2010.

-

Continua a crescere il ricorso alla cassa integrazione, ma ripartono le assunzioni. A dirlo sono i dati del terzo trimestre 2010, che confermano un mercato, quello del lavoro toscano, a luci e ombre.

CASSA INTEGRAZIONE. Nel mese di ottobre 2010 le ore di cassa integrazione sono state 4 milioni e 367mila, il 24,8 per cento in più rispetto all’ottobre 2009. Da gennaio le ore di cassa integrazione utilizzate sono state 44 milioni e 755mila e, ad oggi, sono quindi già stati superati i 33 milioni complessivi di ore di cassa integrazione del 2009. “E’ come se dal 1° gennaio al 31 ottobre – spiega l’assessore alle attività produttive, lavoro e formazione della Regione Toscana, Gianfranco Simoncini – 31.600 persone fossero state a casa a zero ore. Per ogni lavoratore dipendente in Toscana – prosegue – ci sono state 148 ore di cassa integrazione: ciò significa che la crisi continua a essere molto pesante sul nostro territorio, anche se presenta un dato inferiore alla media nazionale”. Nei giorni scorsi la Regione ha sottoscritto un’intesa con le parti sociali che rende possibile, per la Regione, continuare ad autorizzare la cassa integrazione in deroga anche per il 2011, utilizzando le risorse ancora disponibili, in attesa di un atto formale da parte del ministero. Ciò – spiega la Regione – permette di assicurare una prospettiva a lavoratori e aziende, che potranno continuare a contare su questo importante ammortizzatore anche nei prossimi mesi.

ASSUNZIONI. Buone notizie per quanto riguarda il capitolo assunzioni. Dopo due anni fra i più neri della sua storia, il mercato del lavoro toscano registra segnali positivi sul fronte delle assunzioni. Che tornano a crescere, riportando la regione ai livel li del 2008, anno di avvio della crisi. Sono stati complessivamente 193mila i lavoratori avviati al lavoro nei mesi di luglio, agosto e settembre di quest’anno, il 10% in più rispetto allo stesso periodo del 2009 (che aveva registrato 175mila assunzioni) e quasi un punto percentuale in più rispetto al 2008 (191mila assunzioni), quando ancora non si era manifestato l’effetto della crisi. Secondo l’Osservatorio regionale del mercato del lavoro – che ha elaborato, con l’Irpet, i dati Istat in chiave toscana – pur rimanendo al di sotto del 28mila avviamenti stabili registrati nel 2008, le assunzioni con contratto a tempo indeterminato sono state nell’ultimo trimestre circa 4 mila in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con una crescita del 20% . “La ripresa delle assunzioni – sottolinea Simoncini – è ancora troppo lenta e la crescita che registriamo non compensa ancora le perdite fortissime subite nei mesi pass ati. Abbiamo consapevolezza che lo sforzo che le imprese faranno nei prossimi mesi per riposizionarsi sui mercati e i possibili segni di ripresa che ne verranno, non comporteranno, nell’immediato, una significativa ripresa dell’occupazione. Tutto questo – insiste l’assessore – ci spinge a lavorare per garantire ogni possibile forma di protezione sociale alle lavoratrici e ai lavoratori colpiti dalla crisi e per sostenere le imprese nell’accesso al credito. Il nostro impegno è far sì che possano concretizzarsi fenomeni di ripresa dello sviluppo; la strada verso una ripresa non effimera sarà ancora lunga e difficile, ma il processo è avviato”.

PROVINCE E SETTORI. Tutte le province mostrano variazioni positive rispetto al 2009 e, in alcuni casi, anche rispetto al 2008: le realtà manifatturiere maggiormente colpite dalla crisi si segnalano per variazioni decisamente positive, in particolare Prato (+49%) e il Circondario Empolese Valdelsa (+25%), mentre si attestano su dati positivi ma più contenuti Firenze (+1%), Livorno (+3%) e Arezzo (+5%). Per quanto riguarda l’analisi settoriale, qui vengono evidenziati andamenti sostanzialmente positivi in tutti i settori, con la sola eccezione della Pubblica amministrazione, istruzione e sanità (-4,5%), confermando i segnali emersi nel trimestre precedente soprattutto nell’ambito delle attività manifatturiere (+15%), e dei servizi ad esse collegate, trasporti e magazzinaggio (+15%) e in particolare il comparto dei servizi alle imprese (+29,5%).

GIOVANI. Punto debole della ripresa sono, ancora una volta, i giovanissimi. Per gli under 24 i dati segnalano una perdita di 5 punti percentuali rispetto al 2009 e di 6,7 punti sul 2008. Si segnala così quello dell’occupazione giovanile come uno dei punti critici da affrontare per riavviare lo sviluppo. Va meglio invece per la fasci a fra 25 e 34 anni, dove le assunzioni sono aumentate di 10 mila (+21%), tornando quasi ai valori del 2008.

SIMONCINI. “Non possiamo abbassare la guardia – è la valutazione conclusiva dell’assessore Simoncini – perché questi dati coesistono con elevati tassi di disoccupazione e di cassa integrazione che lo scorso settembre ha toccato il record storico di 6 milioni e 800 mila ore autorizzate. Per questo proseguiamo, anche per il 2011, con interventi a sostegno dei redditi del lavoratori e, soprattutto, con forti investimenti sui giovani, che sono un capitale essenziale per ogni società che voglia guardare al futuro. Così abbiamo messo in campo interventi per favorire formazione, occupazione e qualificazione professionale dei giovani toscani, anche utilizzando lo strumenti dei fondi europei. I giovani sono fra le priorità nel lavoro della giunta che sta mettendo in piedi un progetto integrato su questo, collegat o al bilancio 2011, che sarà operativo nei prossimi mesi”.

Ultime notizie

Zone rosse in Toscana: in arrivo micro-lockdown contro le varianti del Covid

Da Pistoia a Siena passando da alcuni comuni dell'empolese (Firenze:) si pensa a micro zone rosse in Toscana per fermare l'avanzata delle varianti del Covid

Quando esce il nuovo Dpcm Draghi e quando entra in vigore il decreto

Stop alle riaperture e regole anche per Pasqua: quando esce il nuovo Dpcm del governo Draghi, quando entra in vigore e quando scade

Zona arancione e rossa: visita a congiunti, fidanzati e amici fuori comune

Il nuovo decreto Covid del governo Draghi aggiorna le regole sugli spostamenti. Si può andare a casa di congiunti, parenti o amici che abitano in comuni diversi, se ci si trova in zona arancione o rossa?

I comuni della Toscana in zona rossa e quelli a rischio

Alta l'allerta per le varianti del Covid-19. La lista dei comuni a rischio zona rossa si allunga e la Regione potrebbe decidere nelle prossime ore insieme ai sindaci nuovi territori rossi