Quest’anno tocca, tra gli altri, anche a Vittoria Puccini, Vladimir Derevianko e Margherita Buy. A fare gli onori di casa l’assessore alle tradizioni popolari Eugenio Giani. Fondato da Giuliana Plastino Fiumicelli, ancora oggi animatrice dell’Accademia “Le Muse” e promosso dal sindaco Giorgio La Pira nel 1965, il premio viene attribuito a personalità illustri del campo culturale, dalla pittura alla letteratura dal cinema al teatro, che si siano particolarmente distinte nel corso della loro carriera.

“Il premio internazionale ‘Le Muse’ – ha sottolineato l’assessore Giani – costituisce a Firenze la manifestazione che negli anni è diventata una vera e propria occasione istituzionale che per serietà e rilevanza dei personaggi premiati ha coinvolto l’Amministrazione comunale fino a farla sentire pienamente identificata con le scelte che rappresentano l’intera città di Firenze. Grazie all’entusiasmo e la competenza di Giuliana Plastino Fiumicelli, il premio ogni anno è cresciuto e lo ha fatto diventare uno dei più prestigiosi a livello nazionale, tanto che anni addietro ha ricevuto un riconoscimento dal presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi”.

E anche quest’anno dal Quirinale è arrivata, via telegramma, la testimonianza dell’apprezzamento “all’Accademia fiorentina per la sua meritoria e feconda attività a servizio della promozione dell’arte e della cultura”.