giovedì, 28 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica L'Electrolux chiude nel 2009

L’Electrolux chiude nel 2009

Electrolux ha ufficializzato la chiusura dello stabilimento di Scandicci, che avverrà a giugno 2009: a comunicarlo sono stati i lavoratori, che stamani sono stati convocati dall'azienda per l'annuncio della decisione

-

Sono stati gli stessi lavoratori di Scandicci (in tutto sono 450) a spiegare di essere stati chiamati, stamani, dall’azienda, per la comunicazione della decisione della chiusura dello stabilimento di Scandicci, in programma a giugno del 2009. Subito, i lavoratori hanno organizzato un corteo nei pressi dello stabilimento.

Electrolux, quindi, ha deciso di concentrare la produzione di frigoriferi in Italia a Susegana (provincia di Treviso) dove ha un altro stabilimento. Questo, di fatto, comporta la chiusura della fabbrica di Scandicci, dove lavorano appunto 450 persone. La loro speranza sta nell’ipotesi secondo cui altri imprenditori possano subentrare alla multinazionale svedese per altri tipi di produzione.

Ultime notizie

Che colore siamo oggi: zona e colori per le regioni d’Italia (28 gennaio)

Zona gialla, arancione o rossa: che colore siamo oggi (28 gennaio) nelle regioni d'Italia? La mappa e le regole per ogni zona e i territori che si candidano per il cambio di colore

Uber Eats arriva a Scandicci, Sesto, Campi e Prato (non solo a Firenze)

Dopo il successo dell'app di food delivery a Firenze, i rider di Uber Eats entrano in servizio anche a Scandicci, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio e Prato. Dalla pizza al sushi, ecco da quando parte la consegna a domicilio

Smart working 2021, fino a quando nella pubblica amministrazione e per i privati

Per i privati continua il lavoro agile "semplificato", mentre si pensa a una proroga in extremis per la pubblica amministrazione a febbraio: ecco fino a quando dura lo smart working

Cashback 2021: importo minimo e rimborso massimo per ogni transazione

Le regole sull'importo minimo e massimo perché una transazione sia valida per il cashback 2021. E ci sono già i primi furbetti che "moltiplicano" le transazioni pur di ottenere più rimborsi