venerdì, 7 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaMaggio, rientrati cinque coristi. E...

Maggio, rientrati cinque coristi. E sul charter c’è posto per altri italiani

Sono rientrati in Italia i primi cinque componenti del coro del Maggio Musicale Fiorentino, che hanno lasciato Tokyo privatamente. Questa sera arriveranno altri 22 componenti del coro, con due aerei di linea. E Renzi avverte: “sul charter per Pisa c'è posto per altri italiani”.

-

 

Sono rientrati in Italia i primi cinque componenti del coro del Maggio Musicale Fiorentino, che hanno lasciato Tokyo privatamente. Questa sera arriveranno altri 22 componenti del coro, con due aerei di linea. E Renzi avverte: “sul charter per Pisa c’è posto per altri italiani”.
 

ARRIVI. Tra i cinque già rimpatriati, atterrati a Fiumicino alle 14.30, il solista Giorgio Surian e Niccolò Airoldi. In serata, invece, faranno rientro altri 22 componenti del coro. Questa sera è infatti atteso l’arrivo a Firenze di un primo gruppo: secondo quanto annunciato da Alitalia, questa sera alle 19 il primo volo sbarcherà a Fiumicino con a bordo 17 componenti. Da Roma il gruppo si imbarcherà nuovamente per Firenze, dove arriverà alle 22.25. Un altro gruppo di 5 persone arriverà a Milano Malpensa alle 18.20: da qui però non ci sono collegamenti con il Vespucci in quell’orario, pertanto il gruppo dovrà raggiungere la città in altro modo.

TERZO GRUPPO. Il gruppo più consistente decollerà invece da Osaka con un Boeing 777. L’arrivo è previsto a Pisa nella notte tra giovedì 17 e venerdì 18 marzo. Il charter Alitalia su cui viaggeranno i componenti del Maggio dovrebbe arrivare al Galilei alle 2,20 del mattino.

C’E’ POSTO. “Ho parlato con l’Ad Alitalia, Sabelli – annuncia il sindaco Matteo Renzi attraverso la sua pagina Facebook – ringraziandolo per quanto è stato fatto per il Maggio. Ho ovviamente dato disponibilità per consentire che sul charter che il Teatro del Maggio e il Comune hanno organizzato per il rientro da Osaka in Italia siano fatti salire anche altri italiani che vogliono lasciare il Giappone, fino ad esaurimento posti. Se possiamo essere utili anche per altri siamo lieti di farlo”.

Ultime notizie