giovedì, 28 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica McDonald's, colloqui di lavoro... in...

McDonald’s, colloqui di lavoro… in piazza

Arriva Oggi, 22 gennaio, a Firenze il McItalia Job Tour: dalle 10.00 alle 18.00, in largo Annigoni, si svolgeranno i colloqui individuali per reclutare i 20 nuovi crew che lavoreranno al McDonald's che aprirà, entro fine febbraio, in via Senese.

-

In più di mille avevano presentato richiesta sul sito www.mcdonalds.it: oggi, in largo Annigoni, i candidati selezionati (sulla base del cv e di un test comportamentale, volto a verificare la predisposizione a lavorare in team e l’orientamento al cliente) hanno sostenuto i colloqui per i 20 posti offerti dalla celeberrima catena di fast-food.

I CANDIDATI. I candidati che oggi si sono presentati ai colloqui rientrano in una fascia d’età media che si aggira intorno ai trent’anni. Per lo più si tratta di ragazzi diplomati (chi in ragioneria, chi come geometra, chi come perito chimico, e via discorrendo), alla prima esperienza di lavoro “ufficiale”. Tanti hanno provato a sostenere anche altri colloqui prima di questo, ottenendo però esiti negativi, alla ricerca di un’indipendenza finanziaria che i giovani d’oggi stentano sempre più a raggiungere. McDonald’s offre posti prevalentemente part-time, con un orario compreso tra le 15 e le 24 ore settimanali. L’offerta alletta molti, anche perché potrebbe ben armonizzarsi con le esigenze di chi ancora studia.

LAVORO. Per McDonald’s ha parlato Stefano Govoni, amministratore delegato della catena di ristoranti. Circa la selezione dei candidati, Govoni si è espresso così: “Cerchiamo giovani con determinate caratteristiche. In primis, senza dubbio, l’umiltà. La nostra catena offre la possibilità di cominciare dal basso, con una ‘gavetta’ che può essere volta alla pulizia, alla cucina o al servizio di clienti, ma senza dubbio non mancano le possibilità per avere rapide possibilità di carriera: l’età media dei nostri dipendenti è trent’anni, ma anche le posizioni ‘più alte’, come quelle dei direttori delle singole filiali, sono ricoperte da ragazzi di, al massimo, 35 anni. Tra le altre caratteristiche che un nostro dipendente dovrebbe avere rientrano, ovviamente, la voglia di lavorare e la predisposizione alle relazioni con il pubblico”. Il sistema di McDonald’s impiega complessivamente 17.500 dipendenti, di cui circa l’80% ha un contratto part-time; il 94% di loro è assunto con una forma contrattuale stabile. Non irrisoria risulta anche l’attenzione data alle pari opportunità: le donne rappresentano il 60% totale degli assunti ed il 50% degli store manager (percentuali che invece si aggirano intorno al 15-12% quando si parla di stranieri).

FORMAZIONE. Le sedi italiane di McDonald’s (che sono circa 480) ricercano nei crew determinati requisiti, quali, appunto, l’entusiasmo, la positività e l’attenzione rivolta ai clienti. Come ogni squadra che vuol mantenere l’affiatamento del suo team, la catena investe parecchio sul suo personale, offrendo periodici corsi di formazione, diversificati in base ai ruoli ed alle posizioni rivestite. Inoltre, ogni membro dello staff partecipa a un programma di training sul posto di lavoro.

Ultime notizie

Che colore siamo oggi: zona e colori per le regioni d’Italia (28 gennaio)

Zona gialla, arancione o rossa: che colore siamo oggi (28 gennaio) nelle regioni d'Italia? La mappa e le regole per ogni zona e i territori che si candidano per il cambio di colore

Uber Eats arriva a Scandicci, Sesto, Campi e Prato (non solo a Firenze)

Dopo il successo dell'app di food delivery a Firenze, i rider di Uber Eats entrano in servizio anche a Scandicci, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio e Prato. Dalla pizza al sushi, ecco da quando parte la consegna a domicilio

Smart working 2021, fino a quando nella pubblica amministrazione e per i privati

Per i privati continua il lavoro agile "semplificato", mentre si pensa a una proroga in extremis per la pubblica amministrazione a febbraio: ecco fino a quando dura lo smart working

Cashback 2021: importo minimo e rimborso massimo per ogni transazione

Le regole sull'importo minimo e massimo perché una transazione sia valida per il cashback 2021. E ci sono già i primi furbetti che "moltiplicano" le transazioni pur di ottenere più rimborsi