venerdì, 7 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaMicrocentrali elettriche, lungo l'Arno

Microcentrali elettriche, lungo l’Arno

Lungo il corso dell'Arno nasceranno 12 minicentrali elettriche. La Cassazione ha dato il su ok per il project financing, tramite il quale saranno rifate le pescaie del fiume.

-

Lungo il corso dell’Arno nasceranno 12 minicentrali elettriche. La Cassazione ha dato il su ok per il  project financing, tramite il quale saranno rifate le pescaie del fiume.

IL PROGETTO. Il project financing, lanciato dalla Provincia di Firenze, permetterà il rifacimento di 13 briglie sull’Arno e la realizzazione di 12 minicentrali idroelettriche. L’energia pulita verrà prodotta sfruttando la caduta dell’acqua dalle pescaie. Secondo le stime della Provincia, questi micro-impianti permetteranno di produrre oltre 65 Gigawatt ora di energia ogni anno, riducendo di oltre 45mila tonnellate le emissioni di anidride carbonica. Sono previste anche una serie di opere di riqualificazione e valorizzazione lungo le sponde dell’Arno.

LA STORIA. Il progetto era stato lanciato nel 2007, dall’allora presidente della Provincia Matteo Renzi, poi si era bloccato per il ricorso presentato da tre società. Adesso la Cassazione ha messo la parola fine alla battaglia legale, ritenendo legittimo il project financing. Entro l’inizio dell’estate dovrebbe terminare l’iter di gara con l’individuazione del soggetto aggiudicatario.

IL COMMENTO. “Le Sezioni Unite della Cassazione –  spiega Enzo Crescioli, assessore provinciale all’Ambiente e difesa del suolo – hanno respinto le tesi di chi sosteneva che la Provincia non avesse titolo per potere avviare una importante opera che tiene insieme difesa del suolo, tutela e la valorizzazione di una risorsa del territorio come l’Arno e produzione di energia pulita e rinnovabile”. Il parere era già stato accolto in precedenza dal Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche, rigettando i ricorsi proposti dalle tre società.

Ultime notizie