sabato, 26 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Mostra Fallaci, rubato un dvd

Mostra Fallaci, rubato un dvd

rubato un dvd alla mostra di oriana fallaci

-

I tecnici sono intervenuti perché la voce di Oriana Fallaci in cuffia non si sentiva. Hanno pensato al solito problema con il lettore, ma hanno scoperto, invece, che il dvd con la registrazione di alcuni brani da “Lettera ad un bambino mai nato” è stato rubato. Qualcuno, martedì sera, è riuscito a infilare la mano dietro i pannelli della mostra e a portarlo via. Un’operazione non semplice. All’origine del gesto non è stato certamente il valore economico, ma forse il suo valore simbolico ed affettivo.

Quel libro è uno dei più intensi, e più letti nel mondo, uscito dalla penna della giornalista e scrittrice fiorentina. Il danno è limitato. I tecnici sono già al lavoro per la sostituzione e tutto dovrebbe tornare presto a posto. Chi può essere stato? Difficile dirlo.

LA MOSTRA

La mostra, aperta al pubblico dal 17 aprile, registra un’affluenza di oltre 2.500 visitatori, con picchi di oltre 250 persone nei week-end e nei giorni festivi. Sfuggono, però, alla registrazione coloro che si recano in Palazzo Panciatichi per ragioni diverse, come altre mostre o iniziative. Le scolaresche, inoltre, figurano nei registri con il solo nome dell’insegnante. La mostra resterà aperta fino all’11 maggio.

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin