sabato, 8 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaMovida, più controlli a Sant'Ambrogio...

Movida, più controlli a Sant’Ambrogio e Santo Spirito

Dieci carabinieri in più di notte nelle piazze più calde della movida. Lo ha deciso il comitato sulla sicurezza e l'ordine pubblico che si è riunito oggi. Sotto la lente, in particolare, le ore dalle una alle cinque di notte.

-

Più controlli notturni nelle piazze della movida, a partire da Sant’Ambrogio e Santo Spirito.

LA DECISIONE DEL COMITATO. E’ quanto ha deciso il comitato provinciale sulla sicurezza e l’ordine pubblico presieduto dal prefetto Varratta che si è riunito oggi.

PIù CONTROLLI. I controlli, in particolare, si svolgeranno tra le una di notte e le cinque del mattino, nelle ore “più calde” della movida cittadina.

S.SPIRITO E S.AMBROGIO. Sotto la lente le piazze di Sant’Ambrogio e di Santo Spirito dove ultimamente si sono verificati episodi di inciviltà che hanno ridestato disagio e preoccupazione nei residenti.

DIECI UOMINI IN PIU’ SULLE STRADE.  “Data la consueta positiva collaborazione con il Comune – ha sottolineato il prefetto – mi aspetto che la polizia municipale offra un adeguato contributo a queste nuove operazioni”. Le misure si avvarranno con ogni probabilità dei rinforzi richiesti dal comandante provinciale dei Carabinieri: una squadra di dieci uomini, tecnicamente denominata CIO-compagnia di intervento operativo, che interverrà a supporto delle forze che sono già sul territorio.

I CONTROLLI. Di recente nelle ore notturne la zona di Sant’Ambrogio è stata battuta a tappeto anche dalla polizia amministrativa della Questura che ha fatto numerose verifiche sugli esercizi commerciali aperti. Sono stati controllati pure i punkabestia, in alcuni casi alla presenza di unità cinofile della polizia provinciale anche per verificare che i cani non fossero maltrattati. Negli ultimi giorni ci sono stati momenti di tensione anche a San Lorenzo, con i venditori abusivi, e qui è stato stabilito che la Guardia di Finanza rafforzerà i controlli contro l’abusivismo commerciale e la contraffazione. Per contrastare questi fenomeni Varratta sta riattivando il tavolo sulla concorrenza sleale, la cui speciale task force è intervenuto nei mesi scorsi nei centri benessere e nei saloni di parrucchiere di varie zone della città.

Ultime notizie