L’Uisp è nata nel 1948 e, sin dall’inizio, ha esteso a tutti i cittadini il diritto allo sport, alla salute e alla ricreazione. Il presidente Napolitano ha riconosciuto all’Uisp il merito di aver contribuito ”all’enorme dilatazione delle attivita’ sportive che oggi sono diventate un diritto per tutti i cittadini, a cominciare dagli anziani e dai disabili”.

Fossati, a nome del milione e 150 mila soci Uisp, ha donato al presidente Napolitano una foto del 1948 con un ciclista Uisp, un libro storico illustrato e un video, realizzato da Raisport, che racconta il percorso dell’associazione dal dopoguerra ad oggi con alcuni frammenti e interviste inediti.

”Abbiamo cercato di raccontare la storia sociale dello sport, ancora poco nota e poco valorizzata, attraverso la storia dell’Uisp – ha detto Fossati -. Ne emerge un quadro in continua evoluzione, che non smette di vedere protagonista la nostra associazione nel chiedere politiche pubbliche per lo sport e una riforma del sistema sportivo che attribuisca pari dignita’ allo sport per tutti rispetto a quello di alto livello. Cosi’ come avviene in tutti i paesi europei”.

Napolitano si e’ mostrato incuriosito dal successo che hanno acquisito oggi maratone e stracittadine, con migliaia di partecipanti. Fossati ha ricordato come Vivicitta’, nata nel 1984, ne sia stata l’antesignana. Il Capo dello Stato ha augurato all’Uisp ”di continuare positivamente la strada dell’impegno civile e dell’allargamento del diritto allo sport ad un numero sempre maggiore di cittadini, sconfiggendo la sedentarieta’ e l’inattivita’ che sono mali del nostro tempo”.