lunedì, 25 Maggio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Niente addobbi made in China

Niente addobbi made in China

Luci di Natale si, ma non quelle made in China, che dietro a prezzi vantaggiosi nascondono esseri umani ridotti in schiavitù e prodotti nocivi e pericolosi per chi li acquista

-

Molte associazioni umanitarie, tra le quali la “Laogai Research Foundation” hanno lanciato l’allarme, secondo il quale all’interno dei famigerati laogai, dei campi di rieducazione cinesi, vengono prodotti molti degli addobbi natalizi che finiscono ui nostri alberi e nelle nostre case.

I Laogai sono dei veri e propri campi di tortura, dove i prigionieri politici del regime di Pechino sono costretti a lavorare con turni che arrivano anche alle 15 ore al giorno. Sono più di 1400 questi campi di rieducazione e al loro interno i detenuti subiscono torture e a volte vengono addirittura uccisi.

L’ultimo rapporto del “Comitato Onu contro la tortura”, pubblicato qualche settimana fa, denuncia “l’alto numero di morti e d’abusi durante la detenzione di individui mai giudicati da un tribunale e a cui non è riconosciuta alcuna possibilità di protestare per la propria prigionia”.

Ultime notizie

Test sierologici sul Covid-19 (gratis), al via le chiamate della Croce Rossa

Parte l'indagine sulla sieroprevalenza, servirà a mappare in tutta Italia la situazione del coronavirus. I volontari della Cri stanno telefonando ai cittadini selezionati dall'Istat

Coronavirus, la mappa del contagio in Toscana

Tutto quello che c'è da sapere sull'andamento dei casi di Covid-19 nella nostra regione: la mappa, i nuovi contagi, i dati per provincia pubblicati nel nuovo bollettino della Regione

Coronavirus, solo cinque nuovi casi in Toscana

È l'aumento giornaliero più basso dal 2 marzo. Le ultime notizie di oggi, 25 maggio, sul contagio da coronavirus in Toscana

Palestra, il rimborso dell’abbonamento dopo il lockdown per il Covid-19

Il decreto rilancio prevede la possibilità di chiedere un rimborso del periodo in cui non si è potuto usufruire degli abbonamenti nei centri sportivi