Il piano è stato varato poco più di una settimana fa dalla Società della Salute ed è stato presentato oggi dal presidente e assessore alle politiche sociosanitarie Graziano Cioni, dal direttore Riccardo Poli e dal direttore generale dell’Azienda sanitaria di Firenze Luigi Marroni.

Il piano chiude la fase di sperimentazione della Società della Salute, che da quest’anno diventa un’istituzione del servizio sociosanitario regionale e si pone come obiettivi il lavoro di squadra e il rilancio del territorio, quindi integrazione tra i soggetti e organizzazione delle attività sul territorio così da creare una vera continuità con gli ospedali.

Sono confermati come prioritari il settore degli anziani e dei disabili, ma anche la salute mentale, le dipendenze, la promozione della salute, i pazienti cronici e oncologici, la riabilitazione, la salute in carcere, l’odontoiatria e le medicine complementari.

“Abbiamo intenzione di rendere questo documento ancora più leggibile e semplice in modo da presentarlo ai cittadini direttamente nei luoghi da loro frequentati – ha commentato Poli -. Vogliamo spiegare il piano e dare vita a un confronto anche con chi non è rappresentato dalle associazioni del volontariato con cui abbiamo rapporti istituzionali. Anche la conoscenza di come si governa il sistema sociosanitario, le motivazioni alla base delle scelte, a nostro avviso, fanno parte dell’educazione alla salute come il lavoro sugli stili di vita”.