venerdì, 26 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Novità per pubblicità in città

Novità per pubblicità in città

Sono state presentate alla giunta comunale dall'assessore alle attività produttive Silvano Gori, dopo un confronto con le categorie economiche, le modifiche per le installazioni su cantieri e ponteggi. Ecco le novità.

-

Pubblicità in città, cambiamenti in arrivo. Il Piano Generale per gli Impianti Pubblicitari, approvato dal Consiglio Comunale lo scorso 24 luglio, richiede infatti alcune modifiche, soprattutto per quello che riguarda la disciplina della pubblicità sui cantieri, la loro durata, la proroga alle concessioni dei gonfaloni e i cartelli segnaletici.

Le modifiche, dopo un confronto con le categorie economiche, sono state presentate alla giunta dall’assessore alle attività produttive Silvano Gori. Sono state approvate ed ora dovranno essere votate dal Consiglio Comunale. Sono modifiche che non incidono sui principi generali introdotti dal regolamento.

Ecco alcunio degli gli aspetti più rilevanti: gli articoli 23 (comma 17) e 33 che riguardano la durata dei cantieri e dei ponteggi. Dove non sono richiesti permessi a costruire o d.i.a. la pubblicità potrà essere concessa per un periodo massimo di 90 giorni (e non più 270) e non rinnovabili. “Questo perché in molte zone della città, soprattutto sui palazzi, sono allestiti cantieri e ponteggi con pubblicità temporanea che rimane oltre il tempo necessario per la realizzazione del lavoro e che permette di fare pagare con la stessa pubblicità le spese sostenute per l’esecuzione dei lavori e per le concessioni – ha sottolineato l’assessore Silvano Gori – con questa modifica si stabilisce un termine più congruo alle reali necessità dei cantieri evitando che la rendita pubblicitaria prevalga sull’aspetto edilizio manutentivo. Inoltre, questa pubblicità temporanea non prevista rischia di inflazionare in città la presenza degli impianti e di diventare un elemento negativo”.

È anche previsto di sollevare maggiormente da terra gli impianti pubblicitari collocati sulla recinzione dei cantieri così da renderli più visibili. La nuova soglia potrebbe essere di 2 metri e 20 centimetri da terra. Altra novità introdotta dalle modifiche all’articolo 67 del PGIP, è la proroga fino al prossimo 30 settembre delle concessioni per i gonfaloni, e nel frattempo sarà indetto il bando di gara. In caso di impedimento tecnico la proroga per la concessione dei gonfaloni slitta fino al 31 gennaio 2010 così da comprendere anche le manifestazioni di Pitti Immagine.

Altra modifica riguarda l’articolo 63, relativa alle “decadenze di autorizzazioni su suolo pubblico”. È stato proposto l’inserimento di un nuovo comma, il terzo, per gli impianti pubblicitari tipo cartelli segnaletici, cosiddetti D1. “Indipendentemente dal loro formato è possibile posticipare la rimozione fino alla data di pubblicazione del bando di gara ad evidenza pubblica”. Sono cartelli posti ai bordi delle strade per pubblicizzare l’attività commerciale o la sede di imprese collocate nel territorio comunale fiorentino o in un Comune vicino.

Ultime notizie

Il colore della Toscana la prossima settimana: zona arancione o rossa?

Si allontana la zona gialla. Il colore della Toscana la prossima settimana è probabile che resti lo stesso, ma per metà marzo c'è il rischio di passare da zona arancione a rossa. E intanto scatta il lockdown a Pistoia e Siena

Quando riapriranno le palestre nel 2021: il nuovo Dpcm e la riapertura

Il protocollo di sicurezza da seguire quando riapriranno le palestre è pronto, ma anche con il nuovo Dpcm di marzo non ci sarà la riapertura in zona gialla e arancione. A rischio l'ipotesi sulle lezioni individuali

Dati, Covid in Toscana: oggi più di 1.300 contagi. Bollettino del 25 febbraio

La soglia psicologica degli oltre 1.000 contagi giornalieri non veniva superata ormai da due mesi e mezzo. Sopra quota 1.000 anche in ricoveri. Ecco i dati del bollettino Covid della Regione Toscana aggiornato a oggi (25 febbraio)

In quanti in macchina: zona gialla, arancione e rossa, quante persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona gialla, arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid del governo Draghi