martedì, 2 Giugno 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Nuove regole per i gazebo

Nuove regole per i gazebo

Approvato dal consiglio comunale il nuovo regolamento per le occupazioni del suolo pubblico che disciplina i cosiddetti "dehors", e cioè i gazebo, gli ombrelloni, le tende e le strutture semirigide esterni ai locali della ristorazione. Il regolamento è stato presentato dall'assessore Silvano Gori.

-

Nuovo regolamento per i gazebo in città. L’11 novembre il regolamento era stato approvato dalla giunta, e ieri è stato accolto anche dal Consiglio Comunale con alcuni emendamenti. “Abbiamo fatto un regolamento attualmente mancante per le concessioni sulle occupazioni su suolo pubblico, i cosiddetti dehors – ha commentato l’assessore Gori -. Fino ad oggi erano prescritti all’interno delle concessioni ma non erano disciplinati. Per assicurare regole certe per tutti ed un maggiore decoro, insieme alla seconda commissione sono stati individuati anche alcuni emendamenti che sono stati accettati dalla giunta”.

Tra le novità introdotte rispetto a quanto deciso il mese scorso: quasi un anno di tempo per adeguare le strutture (cioè fino al prossimo 15 novembre), la possibilità di utilizzare ombrelloni sia quadrati che rettangolari. Per le strutture rigide presenti nel centro storico, viene concessa la possibilità di collocare, sul quarto lato alto fino a 90 centimetri da terra, una tendina retrattile verticale in cotone impermeabilizzato. Inoltre, la possibilità di utilizzare per la copertura del tetto non solo il cotone ma anche il pvc o il Cor Ten.

Rimane fermo il principio dell’utilizzo soltanto del vetro per le tamponature sui tre lati. Le misure dei dehors potranno avere una misura massima di 6 metri (profondità) per 12 metri (lunghezza) ma ci potrà essere una deroga solo nel caso in cui la proprietà del locale abbia più sporti continui, senza alcun tipo di interruzione. Le tamponature avranno una stagionalizzazione: saranno utilizzabili soltanto dal 1° ottobre al 30 aprile.

Altra cosa importante sono gli ambiti unitari, all’interno dei quali potranno essere redatti progetti ad hoc, particolareggiati e quindi con possibilità di deroghe. Sono le seguenti zone: piazza Duomo, piazza del Mercato Centrale, piazza della Repubblica, piazza Santa Croce, piazza Santa Maria Novella, piazza Santo Spirito, piazza Signoria, via Vacchereccia. I dehors sono esclusi in Borgo Albizi (solo una parte), piazza Antinori, piazza dei Frescobaldi, dei Rucellai, piazza Santa Trinita, piazzale degli Uffizi, Ponte Vecchio, via dell’Agnolo, via Calimala, via Calzaiuoli, via del Corso, via Guicciardini, via Maggio, via Martelli, Por Santa Maria, via del Proconsolo, via Roma, via degli Speziali, via Strozzi, via Tornabuoni e via della Vigna Nuova.

Ultime notizie

La Fiorentina riparte il 22 giugno

Dodici giornate da giocare tutte in orario serale

Viaggi all’estero, in quali paesi possono andare gli italiani

I paesi in cui si può andare e quelli che ancora non vogliono gli italiani: dal 3 giugno via libera ai viaggi all'estero nei paesi Schengen

Cinema all’aperto 2020: a Firenze le arene estive pronte a ripartire

Posti distanziati, ma sotto le stelle. Il grande schermo si sta per riaccendere, seguendo le linee guida anti-Covid. Ecco i primi cinema che hanno annunciato la riapertura

Coronavirus, la mappa e l’andamento del contagio in Toscana

Tutto quello che c'è da sapere sull'andamento dei casi di Covid-19 nella nostra regione: la mappa, i nuovi contagi, i dati per provincia pubblicati nel nuovo bollettino della Regione