venerdì, 22 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & Politica''Particella di Dio'', fisici pisani...

”Particella di Dio”, fisici pisani protagonisti. L’ateneo è al top nel mondo

I fisici che si sono formati a Pisa hanno svolto un ruolo da protagonisti al Cern di Ginevra. E l'università è 49esima nel mondo nel settore di 'Fisica e Astronomia': lo dice il ''QS World University Rankings by Subject''.

-

A pochi giorni dall’annuncio della scoperta della ”particella di Dio” al Cern di Ginevra, dove i fisici che si sono formati a Pisa hanno svolto un ruolo da protagonisti, arriva dal “QS World University Rankings by Subject” un altro riconoscimento dell’alta qualità dell’offerta formativa dell’Ateneo pisano.

I RISULTATI. Per l’agenzia che dal 2004 valuta i migliori atenei del mondo e che da due anni prende in esame i singoli ambiti disciplinari, Pisa è 49esima nel mondo nel settore della “Fisica e Astronomia”, risultando al primo posto tra le università italiane. Ma non solo: Pisa ottiene un’ottima classificazione per altre dieci discipline, piazzandosi tra il 100° e 150° posto al mondo nelle “Lingue moderne”, e occupando tra la 150° e il 200° posizione nei settori della Chimica, della Farmacia, della Geografia, dell’Informatica, dell’Ingegneria chimica, dell’Ingegneria elettrica ed elettronica, della Matematica, della Medicina e della Statistica.

I QS RANKINGS. La valutazione dei QS Rankings si basa principalmente su qualità della ricerca, indici di occupabilità dei laureati, numero di citazioni e impegno a favore dell’internazionalizzazione e conferma l’eccellenza dell’Università di Pisa nei diversi settori. Oltre a ribadire la riconosciuta tradizione dell’Ateneo nelle discipline scientifiche, i “ranking by subject” testimoniano infatti la qualità accademica di Pisa anche nel settore umanistico e delle scienze sociali ed economiche. Poche settimane fa, l’Università di Pisa aveva ricevuto, ancora dall’agenzia QS, un’ottima valutazione dopo un approfondito audit sulle sue principali attività: Pisa era stata valutata un Ateneo a “quattro stelle”, con punte di cinque nelle aree della ricerca, dell’innovazione tecnologica e dell’accesso agli studi.

Ultime notizie