venerdì, 30 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Piazza Santa Croce diventa un...

Piazza Santa Croce diventa un ”circo”. Di solidarietà

Domenica 28 aprile, dalle 14 alle 19, davanti alla basilica arriverà la rombante ''Clown Car'', con a bordo una ventina di artisti. L'iniziativa a sostegno dell'associazione ''Noi per Voi per il Meyer Onlus''.

-

Nel mezzo del cammin di nostra vita… ritornai in piazza Santa Croce con musicisti, pagliacci e saltimbanchi.

L’INIZIATIVA. Domenica 28 aprile, dalle 14 alle 19, proprio davanti alla basilica, arriverà la rombante “Clown Car” con a bordo una ventina di artisti, pronti a trasformare la piazza in un “Circo di solidarietà” a sostegno dell’associazione “Noi per Voi per il Meyer Onlus”. “C’è chi viene dal teatro come Giulia (Cavallini, ndr), chi dalla strada, chi dalla claunterapia in ospedale”, spiega Luigi Benassai. “Cercheremo di fare un intrattenimento di tipo variegato – continua – Ci sarà musica, spettacolo, ma anche momenti di contatto con il pubblico”. La piazza non è stata scelta a caso: “È un luogo di intrattenimento, ma non di distanza con la gente – sottolinea – Il progetto è quello di avvicinare le persone con il sorriso allo scopo benefico”.

DIVINA COMMEDIA. Il momento clou sarà l’interpretazione allegra della Divina Commedia da parte dei mimi: “Abbiamo l’egida del ‘Farfarello’ Alessio Cinotti, un poeta declamatore della piazza fiorentina che conosce la Divina Commedia a memoria – spiega Luigi Benassi – io e Giulia andremo ad interpretare con la nostra espressione mimica il canto terzo dell’Inferno con la figura di Caronte e il canto quinto dedicato a Paolo e Francesca”. Prende la parola Giulia Cavallini: “Sono psicologa clinica, sento vicino il progetto Meyer e l’idea di poter contribuire in senso artistico in questa direzione mi rende felice – afferma – La piazza permette di creare delle sinergie con i bambini, ma anche con gli adulti che si lasciano coinvolgere anche se per pochi minuti”. “E si crea una rete che permetta la risoluzione dei problemi”, aggiunge il presidente dell’associazione OpenArt, che opera sul territorio fiorentino e aggruppa artisti eterogenei.

RICERCA. Proprio così, perchè il vero scopo, domenica in piazza Santa Croce, sarà raccogliere fondi per un progetto di ricerca sulla chemioresistenza, finanziato dall’associazione “Noi per Voi per il Meyer Onlus”. Il presidente dell’associazione Pasquale Tulimiero spiega il significato di chemioresistenza: “Significa che tutta la chemioterapia che viene effettuata sul bambino viene respinta e dopo un lungo calvario il bambino muore. Sulle leucemie linfatiche la percentuale di bimbi chemioresistenti è intorno al 20%, ma sulle leucemie mieloidi è il 40%. Con questa nuova metodica, noi stiamo sperimentando un vecchio farmaco che potrebbe dare la possibilità di superare la chemioresistenza, con un abbassamento dei livelli chemioterapici ed eliminare anche il trapianto di midollo, che è una delle procedure più costose. Pensate che un trapianto di midollo costa dai 120 ai 200mila euro, eliminandolo con questa metodica si andrà a spendere 10mila euro, rendendolo accessibile a tutti”.

Ultime notizie

Torna Firenze Home Texstyle e Immagine Italia & Co.

Al via l’HUB, la prima vetrina virtuale delle nuove collezioni

Covid-19, quanti contagiati oggi in Italia: più di 26 mila nuovi casi

I dati del 29 ottobre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Dove si può viaggiare nonostante il Covid: l’allegato 20 al Dpcm 24 ottobre

Sembra strano, ma andare all'estero è ancora possibile: i paesi dove si può viaggiare secondo l'allegato 20 del Dpcm 24 ottobre