sabato, 27 Febbraio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Piccoli ladri di videogiochi al...

Piccoli ladri di videogiochi al centro commerciale

Piccoli ladri crescono e colpiscono il centro commerciale di Ponte a Greve rubando tre videogiochi per consolle. I ragazzi, di dodici e tredici anni, non erano alle prime armi, ma anzi avevano già fatto altri piccoli colpi portando a casa una quindicina di videogiochi sotto gli occhi, inconsapevoli, delle loro madri.

-

 

Piccoli ladri crescono e colpiscono il centro commerciale di Ponte a Greve rubando tre videogiochi per consolle. I ragazzi, di dodici e tredici anni, non erano alle prime armi, ma anzi avevano già fatto altri piccoli colpi portando a casa una quindicina di videogiochi sotto gli occhi, inconsapevoli, delle loro madri.
 

MODUS OPERANDI. Rimuovevano attentamente il sistema antitaccheggio dai videogiochi che volevano portare a casa, li occultavano all’interno dei loro indumenti e passavano indifferenti alle casse del centro commerciale di Ponte a Greve.

COLTI SUL FATTO. Questo giochino è continuato per parecchio tempo fino a quando tre ragazzi, tutti minori, sono stati fermati dalla vigilanza privata che li ha colti sul fatto.

ULTIMA RAPINA. Durante l’ultima “rapina” avrebbero portato via tre videogiochi per un valore complessivo di 60 euro, se la vigilanza non li avesse fermati in tempo.

CONFESSIONI. All’arrivo delle volanti, i tre ragazzi hanno confessato di essere avvezzi al mestiere e che anche nei giorni precedenti si erano recati nel medesimo magazzino per rubare i videogiochi per le loro consolle.

BOTTINO. Gli agenti hanno quindi riconsegnato i ragazzi alle rispettive madri, ignari dei furti commessi dai figli, che su indicazione dei loro bambini si sono presentate in Questura per riconsegnare 14 giochi che, nei giorni scorsi, erano stati rubati dal gruppetto di piccoli ladri.

Ultime notizie

Contro l’Udinese nella Fiorentina rientra Ribéry

Probabile l’utilizzo anche di Kokrin, assente Bonaventura: le probabili formazioni di Udinese - Fiorentina

Covid Toscana, casi ancora sopra ai 1.200: i dati del 26 febbraio

I dati del bollettino Covid della Toscana del 26 febbraio: casi di coronavirus ancora sopra quota 1200, preoccupazione per la zona rossa

Riapertura palestre, via libera alle lezioni individuali: cosa significa

Il nuovo protocollo del Cts apre alle lezioni individuali per la riapertura delle palestre: quali sono, cosa significa e da quando

Slitta ancora la riapertura delle palestre: oggi si decide fino a quando restano chiuse

Oggi la decisione sulla riapertura delle palestre: almeno un altro mese di chiusura, nel nuovo Dpcm si decide quando riapriranno