sabato, 24 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Più spazio all'arte di strada

Più spazio all’arte di strada

Presto più spazi e semplicità nel disciplinare per mimi, musicisti, astrologi, clown e giocolieri. In arrivo una tessera di riconoscimento per gli artisti di strada "certificati". "Il Comune intende valorizzare il loro lavoro".

-

Più spazio all’arte di strada, e una tessera per gli artisti “certificati”. Lo ha deciso la giunta comunale, licenziando una delibera proposta dal vicesindaco e assessore allo sviluppo economico Dario Nardella, per rivitalizzare il centro storico anche grazie a mimi, musicisti, astrologi, clown e giocolieri.

L’INCONTRO. L’atto segue di appena una settimana l’incontro che Nardella ha tenuto con gli stessi artisti di strada e le associazioni che li rappresentano. Sulla base delle loro richieste, è stata stilata una delibera che pone alcuni punti fermi e rimanda a un successivo approfondimento una necessaria semplificazione del disciplinare che miri anche ad allargare gli spazi attualmente destinati all’arte di strada. “Un segnale concreto – ha spiegato il vicesindaco Nardella – per venire incontro alle esigenze di questa particolare categoria di artisti e per valorizzarla. Al momento la delibera introduce solo modifiche parziali al disciplinare, ma presto abbiamo intenzione di semplificare radicalmente quest’ultimo per rendere meno burocratica e macchinosa la gestione degli spazi pubblici agli artisti”.

LA TESSERA. Tra le novità, la delibera introduce una tessera di riconoscimento per gli artisti di strada ‘certificati’, in tutto una trentina: la tessera sarà plastificata, avrà i dati anagrafici dell’artista e la sua foto, e un timbro del Comune così da garantirne l’immediata riconoscibilità. La tessera – spiega una nota del Comune – non sostituisce comunque la concessione di suolo pubblico. Inoltre non saranno rilasciate concessioni permanenti di suolo pubblico per l’esercizio dell’arte di strada a quanti risultino in possesso di analoghe concessioni o autorizzazioni sul territorio di altri Comuni. Viene anche esteso l’orario di ‘esercizio’ in alcune aree della città: per esempio in piazza Santa Croce e Ponte Vecchio. Ma la delibera rimanda anche a un successivo provvedimento “l’individuazione di nuove aree pubbliche e postazioni aggiuntive per l’esercizio di attività di arte e spettacolo di strada”.

Notizia precedenteUn gazebo per il Ramadan
Notizia successivaUn 15 agosto… al verde

Ultime notizie

L’Insolita Trattoria Tre Soldi di Firenze: quando il piatto trae in inganno

In via d'Annunzio nasce una trattoria 'insolita' di nome e di fatto: qui i piatti non hanno niente di canonico o ordinario e sono una continua sorpresa per gli occhi e per il palato.

Vaccino antinfluenzale 2020 in Toscana: quando, dove e come farlo

Per chi è a costo zero e quando è l'inizio: quello che c'è da sapere sul vaccino antinfluenzale in Toscana per la stagione 2020-2021, in piena emergenza Covid

Ludopatia: il Covid non ferma il gioco d’azzardo patologico

Aumentano i giocatori d’azzardo patologici e si temono gli effetti della crisi Covid. Una cura c’è, ma bisogna agire subito

AAA cercasi idee per il Fantafondo di via Rocca Tedalda

Il centro Fantafondo di Rovezzano lancia un progetto di aggregazione attraverso lo sport. Dedicato a tutto il quartiere