Le attività commerciali cambiano orario. Nel comune di Firenze, nella stagione estiva, gli amanti dei libri potranno perdersi fra gli scaffali delle librerie, dietro copertine colorate e autori italiani e stranieri dalle 7 della mattina fino alle una di notte. Sempre nello stesso perimetro comunale e sempre nel periodo estivo, inoltre, i laboratori alimentari artigianali e industriali, e le imprese commerciali, quali rosticcerie, gelaterie, pasticcerie, gastronomie, panetterie, creperie, pizzerie da asporto, friggitorie, yogurterie, cioccolaterie e distributori di kebab, potranno essere aperti dalle 7 fino alle una di notte, così che i golosi potranno gustare un buon gelato o un cornetto ripieno di cioccolato al chiaro di luna. Nella stagione invernale, invece, quando le giornate sono corte e è freddo, le porte verranno chiuse alle 24.

È quanto è stato deciso dalla giunta di Palazzo Vecchio nella riunione di ieri mattina, 7 marzo, su proposta dell’assessore alle attività produttive, Silvano Gori, riguardo alle attività non strettamente connesse al “commercio”, come disciplinato dal decreto del ministro Bersani.

Più tempo quindi per i cittadini da dedicare allo shopping, sia che questo serva per scegliere libri o sia impiegato a saziare l’appetito e a soddisfare il palato. Attualmente, infatti, senza distinzioni stagionali, le librerie chiudono i battenti alle 24, mentre le imprese artigianali e quelle commerciali coinvolte dalla decisione comunale, rispettivamente all’una di notte e alle 24.

I nuovi orari prenderanno avvio con l’ingresso dell’ora legale e, quindi, dell’ora solare e così a continuare. Anche i distributori automatici (nei locali esclusivamente adibiti a tale attività) sono interessati da questa ridistribuzione degli orari: dalle 7 alle 14 per quelli che si trovano nel centro storico e dalle 7 alle 22 per quanti collocati nella restante area comunale.

Una decisione, quella dei nuovi orari, che è stata presa in accordo con le associazioni di categoria e dei consumatori. Per tutte le altre attività commerciali, invece, niente di nuovo all’orizzonte: gli orari rimarranno 7-24 nel centro storico e 7-22 nella restante area.

Tutti pronti, quindi, per spostare con l’arrivo della buona stagione, di un’ora la lancetta dell’orologio e per stare qualche ora in più a girare da un negozio all’altro.