martedì, 29 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Primo maggio, musei blindati

Primo maggio, musei blindati

-

E’ stato deciso ieri durante un incontro tra la soprintendente Cristina Acidini e i sindacati. Un triste primato che colloca Firenze al primo posto tra le città d’arte italiane che hanno deciso di tener chiusi i battenti.

Si è parlato di un problema di sicurezza. Sembra infatti che non si riuscisse a raggiungere il numero minimo di dipendenti necessari a tenere aperte le strutture. “Mi vengono a dire – spiega Learco Nencetti della Consal-Unsa beni culturali – che “non sussistono le condizioni di sicurezza necessarie”, quando per il resto della settimana a convenzione si apre tutto, di tutto, anche sotto i minini”.

Nemmeno la comunicazione diffusa la scorsa settimana da Bruno de Santis, direttore generale del personale del ministero per i beni culturali – nella quale si invitavano gli addetti ai lavori a fare di tutto per tenere i musei aperti – è riuscita a far fare dietro front. Niente di fatto. In città non ci sarà nessun museo aperto.

Serrate le gallerie del polo insieme a tutti i musei comunali.

Ultime notizie

Trekking: la rinascita della “Via degli Dei”, da Firenze a Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi, attraversando l’Appennino: è la Via degli Dei, un percorso dalla storia millenaria. Firmato un protocollo per promuovere il turismo slow

Il rischio di sospensione del campionato di Serie A per i positivi Covid

Dopo i 14 giocatori del Genoa risultati positivi al coronavirus ci si interroga su come mettere in sicurezza il mondo del pallone

Mascherina, dove c’è obbligo all’aperto: dalla Lombardia alla Sicilia

In quali regioni le mascherine sono obbligatorie, 24 ore su 24, anche all'aria aperta: le regole

Svuota cantine 2020, a Firenze tornano i mercatini dell’usato: le date

Per 4 domeniche nelle vie e nelle piazze dei quartieri fiorentini arrivano le bancarelle dei cittadini: il calendario completo