domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Pugni e bottigliate: rissa in...

Pugni e bottigliate: rissa in piazza Duomo

Coinvolti nell'episodio quattro giovani di età compresa tra i 21 e i 30 anni. Tutto sarebbe scaturito da alcune bottiglie di birra. Sul posto è intervenuta la polizia.

-

Rissa in piazza Duomo a colpi di pugni e bottigliate.

LE BIRRE. La scorsa notte la polizia ha denunciato per rissa aggravata e lesioni personali dolose quattro giovani di età compresa tra i 21 e i 30 anni. L’episodio ha avuto inizio intorno alle 3  in piazza Duomo, dove un gruppo di amici, tre ragazzi e due ragazze, avevano appoggiato a terra, vicino a una panchina, due bottiglie di birra.

LA RISSA. Da quanto rcostruito, dopo pochi istanti alcuni turisti americani, passando di lì, si sono appropriati delle bottiglie. Appena i proprietari degli alcolici si sono accorti del fatto, hanno subito cercato di rientrare in possesso delle birre, rivolgendosi agli stranieri. Di lì a poco si è innescato un acceso diverbio tra quattro giovani dei due gruppi, e in breve la lite è passata alle vie di fatto, con uno scambio di pugni e bottigliate.

POLIZIA. A seguito dell’accaduto, tre dei contendenti hanno riportato lesioni giudicate guaribili dai 7 agli oltre 30 giorni di prognosi. Gli agenti delle volanti intervenute sul posto, dopo aver riportato alla calma i quattro giovani impedendo che la vicenda potesse degenerare, e dopo aver evitato che nella rissa venissero coinvolti altri passanti estranei ai fatti, hanno ricostruito l’accaduto ascoltando le dichiarazioni di alcuni testimoni.

Ultime notizie

La Fiorentina sorride. Battuto il Toro

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: tutti i dati sull’affluenza

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano