Presentato ieri a Roma il 13° rapporto nazionale Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) sulla raccolta , il recupero ed il riciclaggio di carta e cartone: ottimo il risultato di a Firenze dove, nel corso del 2007, sono state avviate al riciclaggio ben 41.732 tonnellate di materiali cellulosici, corrispondenti a ben 85,6 chilogrammi per abitante raccolti separatamente e avviati al riciclaggio.

Questo dato conferma Firenze al secondo posto in termini assoluti (preceduta da Trento, che con 11.257 abitanti si è attestata ad una produzione pro capite di 94,4 kg/abitante/anno), ma saldamente in testa tra le grandi città italiane anche nel 2007: dietro al capoluogo toscano Brescia con 77,7 kg/ab ; Milano con 71,7 kg/ab ; Torino con 69,5 kg/ab; Bari con 48,3 kg/ab; Roma con 41,4 kg/ab ; Genova con 31,3 kg/ab; Napoli con 29,1 kg/ab; Perugia con 25,7 kg/ab ; Palermo con 14,5 kg/ab.

Il capoluogo toscano raggiunge questo nuovo risultato grazie ad un livello di intercettazione della carta e del cartone consistente, frutto di un modello di servizio modulare: contenitori in cartone in tutti gli uffici pubblici e le scuole; cassonetti per la carta sulla più gran parte del territorio comunale; sistema porta a porta nel centro storico e nel borgo di Peretola; raccolta mirate presso tutti gli uffici e gli esercizi pubblici del Castrum romano. L’azione congiunta di questo “mosaico” di servizio e la partecipazione attiva dei cittadini hanno permesso a Firenze di confermarsi ai vertici italiani nel riciclaggio di carta e cartone.