lunedì, 6 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaRegionali sporchi? Arriva il servizio...

Regionali sporchi? Arriva il servizio di pulizia durante il viaggio

E' nato ''Sprint'', il servizio che dovrà potenziare la pulizia sui treni dei regionali. I ''pulitori'' saliranno sui convogli a maggior frequentazione: ecco quali saranno i loro compiti.

-

La pulizia “viaggia” anche sui treni regionali. E’ nato “Sprint”, il nuovo Servizio Pulitore Regionale In Treno, messo a punto da Regione Toscana e Trenitalia. L’obiettivo è quello di potenziare il servizio di pulizia (normalmente svolto quando il treno è fermo) con azioni mirate a bordo dei convogli regionali più utilizzati, per aumentare in misura sensibile il decoro complessivo del convoglio e, di conseguenza, il comfort del viaggio. A bordo dei treni saliranno così “pulitori” in completo blu e giallo che, muniti di panno e detergenti, si occuperanno della pulizia delle vetture durante il viaggio.

TRENI PIU’ FREQUENTATI. La Toscana – spiega una nota della Regione – è la prima e per ora unica regione in Italia ad avviare sui treni dei pendolari un servizio di pulizia a bordo analogo a quello dei treni Frecciarossa e Frecciargento. Il pulitore, dipendente delle ditte appaltatrici che già svolgono per Trenitalia i servizi di pulizia, sarà presente sui treni a maggior frequentazione. Fra i suoi compiti pulire e igienizzare le toilette, i vestiboli e le maniglie delle porte di salita, svuotare i portarifiuti e areare le vetture durante le soste nelle stazioni, ma potrà intervenire su richiesta nei caso di specifici problemi o anomalie.

“PULIZIA E QUALITA’ MIGLIORI”. “Si tratta di un servizio nuovo, che migliorerà la pulizia sui treni regionali e quindi la qualità del viaggio dei pendolari – spiega l’assessore regionale ai trasporti Luca Ceccobao – Le indagini sulla soddisfazione dei viaggiatori toscani riguardo alla pulizia dei treni superano di ben dieci punti percentuali quelli delle altre Regioni, eppure vogliamo migliorare ancora. Avevamo chiesto a Trenitalia di elaborare un progetto innovativo che rendesse ancora più efficace e visibile la pulizia. Questa risposta garantisce un rapporto diretto tra chi effettua il servizio e chi ne fruisce. Per riuscire nel nostro intento, c’è però bisogno del senso civico di ognuno di noi”.

“SALTO DI QUALITA'”. “Abbiamo accolto volentieri la sollecitazione della Regione – aggiunge il direttore regionale di Trenitalia Gianluca Scarpellini – inserendola in un insieme di azioni già avviate per il miglioramento del decoro e del comfort in treno: fra queste la presenza fissa di ispettori col compito di verificare la corretta esecuzione delle pulizie prima della partenza dei convogli e l’installazione di erogatori di profumo in alcune vetture. Da questa nuova figura di pulitore a bordo, il cui costo è interamente sostenuto da Trenitalia, ci aspettiamo un ulteriore salto di qualità per migliorare il servizio offerto ai nostri passeggeri.”

TRENTA TRENI AL GIORNO. Gli operatori saranno quattro e garantiranno il servizio su oltre 80 treni tra i più frequentati della regione, con un impegno medio di circa 30 treni al giorno. La loro attività si concentrerà, in particolare, nelle ore pomeridiane, ovvero quando i treni hanno già effettuato più corse e trasportato molti viaggiatori. I pulitori saranno riconoscibili dalla divisa e identificabili grazie a un cartellino con l’indicazione della ditta di appartenenza. La Regione Toscana e Trenitalia valuteranno, sulla base del gradimento espresso dai passeggeri in questa prima fase, il proseguimento e l’eventuale estensione del servizio.

Ultime notizie