Le officine che non rispettavano la tariffa sono stati sanzionate con una multa di 370 euro e una diffida, in base alla quale la prossima volta la Provincia ritirerà l’autorizzazione a effettuare le revisioni.

“A seguito dei controlli effettuati in questi ultimi mesi – spiega l’Assessore provinciale ai Trasporti, Maria Cristina Giglioli – sono state sanzionate 7 officine perché, con la scusa di ipotetiche spese amministrative o altro, facevano pagare un prezzo superiore alla tariffa di legge che, ricordiamo, non può essere superiore a 64,70 Euro”.

“La Provincia continuerà vigilare – conclude l’Assessore Giglioli – perché è un compito che le è stato affidato e quindi i controlli vanno fatti, ma riteniamo anche che la vigilanza sui prezzi sia un modo efficace per combattere il carovita, soprattutto quando è relativa a un adempimento che riguarda tutti coloro che posseggono un’auto”.