martedì, 29 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Rimossi i lucchetti dell'amore

Rimossi i lucchetti dell’amore

-

Un simbolo d’amore nato nel 2005 e che continua a sopravvivere e ad alimentare polemiche. Gli innamorati scrivono le proprie iniziali o un messaggio d’amore su un  lucchetto, poi lo chiudono e gettano la chiave in Arno per sugellare il proprio amore. Poi è arrivato Federico Moccia ed il suo libro, divenuto successivamente un film “Ho voglia voglia” , in cui i protagonisti, sullo schermo Riccardo Scamarcio e Laura Chiatti, si giurano amore eterno gettando la chiave del proprio lucchetto da Ponte Milvio, e così il gesto d’amore è diventato una vera e propria moda.

Nei giorni scorsi, però, mattina un fabbro, accompagnato da due vigili urbani,  ha rimosso tutti i lucchetti  che gli innamorati avevano attaccato agli anelli d’acciaio delle catene dei dissuasori di sosta che separano la terrazzina che affaccia sull’Arno davanti al cortile degli Uffizi sul Lungarno Caterina.

La rimozione dei lucchetti è stata dettata dalle nuove norme del regolamento di polizia municipale che vietano di “”collocare su muri, lampioni, recinzioni, barrire di protezione ai monumenti o altri elementi di arredo urbano oggetti ricordo, fotografie, manifesti” (art. 4). I fidanzati  in nome dell’amore infrangeranno il nuovo regolamento dovranno  pagare una multa di 160 euro.

 

Ultime notizie

Il rischio di sospensione del campionato di Serie A per i positivi Covid

Dopo i 14 giocatori del Genoa risultati positivi al coronavirus ci si interroga su come mettere in sicurezza il mondo del pallone

Mascherina, dove c’è obbligo all’aperto: dalla Lombardia alla Sicilia

In quali regioni le mascherine sono obbligatorie, 24 ore su 24, anche all'aria aperta: le regole

Svuota cantine 2020, a Firenze tornano i mercatini dell’usato: le date

Per 4 domeniche nelle vie e nelle piazze dei quartieri fiorentini arrivano le bancarelle dei cittadini: il calendario completo

Quale modello per Firenze nel post-Covid? L’intervista al direttore di Irpet

Stefano Casini Benvenuti, direttore di Irpet: “Rischi altissimi, ma abbandonare il turismo non ha senso. La rinascita può partire dalle periferie”