sabato, 23 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaRimozione Concordia, proposto anche il...

Rimozione Concordia, proposto anche il porto di Piombino

Il presidente della Regione Enrico Rossi, dopo aver incontrato lunedì a Roma il capo della protezione civile, i rappresentanti di Costa e della ditta Micoperi ha dichiarato "Penso che come base del recupero possa essere individuata Piombino invece di Civitavecchia".

-

Il presidente della Regione Enrico Rossi, dopo aver incontrato lunedì a Roma il capo della protezione civile, i rappresentanti di Costa e della ditta Micoperi ha dichiarato “Penso che come base del recupero possa essere individuata Piombino invece di Civitavecchia”.

IL RUOLO DELLA TOSCANA. “Ho sempre seguito una linea che si riassume in tre parole: vinca il migliore. E questo vale anche per la rimozione e lo smantellamento della Costa Concordia: che si realizzi il progetto più solido e con le migliori garanzie ambientali. Tuttavia è legittimo, come ha riconosciuto il prefetto Gabrielli, chiedere che la Toscana, che è intervenuta nel modo migliore durante i soccorsi e nella fase successiva, possa godere delle ricadute economiche di questa complessa operazione” ha dichiarato il presidente della Regione Enrico Rossi dopo aver incontrato a Roma il capo della protezione civile, i rappresentanti di Costa e della Micoperi, la ditta che effettuerà la rimozione del relitto insieme a Titan. “Al di la delle responsabilità del comandante Schettino – ha concluso il presidente Rossi – c’è un problema oggettivo di controllo delle rotte. Tuttavia il naufragio non ha certo giovato al buon nome dell’Italia. Se l’operazione di rimozione sarà ben fatta potremo rimediare. Se ci sarà lavoro e un pò di sviluppo per la Toscana avremo fatto il nostro dovere”.

PIOMBINO. “Penso che come base del recupero possa essere individuata Piombino invece di Civitavecchia”, ha proseguito. “Poi c’è tutta la partita del lavoro di carpenteria, in cui possono essere coinvolti i Nuovi Cantieri Apuani. Infine è logico che la nave venga trasportata al porto di Livorno, il più vicino. Ritengo sia possibile contemperare le esigenze della bonifica della nave con quelle dei Cantieri Azimut. L’operazione è complessa e di grande impatto mediatico, credo che la sua accettabilità sociale sia tanto più forte quanto più si coinvolge il territorio, anche con con una importante ricaduta economica e di lavoro”.

LA DITTA MICOPERI. Il presidente Rossi ha inoltre ringraziato la ditta Micoperi, che ha deciso di devolvere gli eventuali utili all’Isola del Giglio: “Una scelta che dimostra sensibilità e lungimiranza”. Secondo Rossi, il progetto che i tecnici della protezione civile hanno valutato come il migliore tra quelli proposti, è solido ed in grado di tutelare l’ambiente anche in termini di tempistica. La nave potrebbe essere rimossa già all’inizio del prossimo anno.

LA RICHIESTA. “Noi ci fidiamo – ha concluso Rossi – ma chiediamo che la Toscana non sia penalizzata. Abbiamo costituito un comitato istituzionale, composto dal sindaco del Giglio, dai sindaci e dalle autorità portuali di Livorno, Piombino e Carrara e dalla Provincia di Grosseto. Ci riuniremo al più presto per concordare che cosa possiamo proporre all’impresa. I miei viaggi a Roma hanno dato risultati interessanti, abbiamo ottenuto una apertura sulla legittimità della nostra richiesta da parte del prefetto Gabrielli e segnali positivi da parte della ditta”.

Ultime notizie