mercoledì, 26 Febbraio 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Rinviata "a data da destinarsi"...

Rinviata “a data da destinarsi” l’inaugurazione dell’anno accademico

Ad annunciarlo è stato il rettore dell'Ateneo fiorentino Alberto Tesi: "Ritengo che nell'attuale difficile contesto non ci siano le condizioni per svolgere l'inaugurazione dell'anno accademico, che è rinviata a data da destinarsi". La cerimonia avrebbe dovuto tenersi venerdì prossimo.

-

Niente inaugurazione dell’anno accademico, almeno per il momento. La cerimonia dell’Università di Firenze, in programma venerdì 3 dicembre, è stata rinviata a data da destinarsi.

L’ANNUNCIO. Ad annunciare questa decisione è stato lo stesso rettore Alberto Tesi, durante la seduta del Consiglio di amministrazione. “Ritengo che nell’attuale difficile contesto – ha detto – non ci siano le condizioni per svolgere l’inaugurazione dell’anno accademico, che è rinviata a data da destinarsi”.

PREOCCUPAZIONE. “L’evoluzione del dibattito parlamentare sulla riforma dell’Università – ha continuato il rettore – ci induce a rinviare questo momento di celebrazione, tenendo conto della viva preoccupazione dell’intera comunità universitaria per l’incertezza circa le prospettive del sistema accademico italiano”.

DATE. La cerimonia era prevista per il prossimo venerdì 3 dicembre, a Palazzo Vecchio nel Salone dei Cinquecento.

Ultime notizie

Coronavirus, a Firenze segnata la “truffa del tampone”

Vittime soprattutto gli anziani: i malintenzionati si presentano alla porta di casa spacciandosi come personale medico

La classifica dei carri vincitori del carnevale di Viareggio 2020

Sui primi grandini del podio due creazioni dedicate a temi green. Ecco l’elenco completo dei vincitori

Musei a Firenze, annullata la domenica gratis del 1° marzo

Lo ha comunicato con una nota ufficiale il Ministero per i Beni e le Attività culturali. Confermata invece la Domenica Metropolitana nei musei civici di Firenze (per i residenti)

Coronavirus in Toscana, cosa sappiamo al momento

I due soggetti positivi, il tampone solo per i casi sospetti, le misure per gli ospedali: cosa è stato deciso dalla Regione Toscana dopo l'ultima riunione con i sindaci del territorio