Aggressione nel ristorante in pieno centro a Firenze. Il gestore di un ristorante di via de’ Benci, nella zona di Santa Croce, è stato aggredito ieri pomeriggio da tre nordafricani. Sul posto, dopo l’aggressione, è intervenuta la polizia: secondo una prima ricostruzione dei fatti, tutto sarebbe nato da un equivoco per alcuni frasi del ristoratore male interpretate da uno dei nordafricani che, ritenendole offensive, è poi tornato nel ristorante in compagnia di due connazionali.

Il ristoratore, per difendersi dall’attacco, avrebbe cercato di difendersi con l’asta di ferro usata per aprire la saracinesca, ma sarebbe stato disarmato e colpito più volte alla testa proprio con quella. Gli aggressori sono poi fuggiti, e l’uomo è stato portato al pronto soccorso.

In serata, undici persone, in prevalenza extracomunitarie, sono state fermate e identificate per l’episodio. Solidarietà all’esercente aggredito è stata espressa dai consiglieri comunali Stefano Alessandri (An-Pdl) e Marco Stella (Fi-Pdl).

“Eventi come questo, dimostrano quanto arrogante e spregiudicata sia diventata la microcriminalità nella città di Firenze e di come occorra una decisa azione di contrasto da parte delle forze dell’ordine, soprattutto nella zona di Santa Croce, presa d’assalto ormai più dagli spacciatori che dai turisti – esprimono in una nota – la nostra solidarietà all’esercente aggredito e l’augurio di una pronta guarigione. La Firenze onesta che lavora è dalla sua parte e non si farà intimidire dalle azione violente di spacciatori da tre soldi”.