venerdì, 7 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaRistoratore toscano ucciso in Thailandia....

Ristoratore toscano ucciso in Thailandia. Era sopravvissuto allo tsunami del 2004

Viveva in Thailandia dal 1991 ed era scampato per poco allo tsunami del 2004, ma il destino ha voluto che ad ucciderlo fossero quattro colpi di arma da fuoco. La vittima era un ristoratore toscano che da anni viveva sull'isola di Phi Phi.

-

Viveva in Thailandia dal 1991 ed era scampato per poco allo tsunami del 2004, ma il destino ha voluto che ad ucciderlo fossero quattro colpi di arma da fuoco. La vittima è Luciano Butti, un sessantenne di origine italiana proprietario di un ristorante, anch’esso italiano, sull’isola thailandese e ambita meta turistica Phi Phi.

ORIGINARIO DI MONTEVARCHI. L’uomo era originario di Montevarchi (Arezzo), aveva vissuto il dramma dello tsunami che colpì il 26 dicembre del 2004 le isole e le coste thailandesi causando centinaia di migliaia di vittime tra gente locale e turisti di tutto il mondo e su quell’esperienza aveva scritto un libro intitolato “Tsunami: scusate se non sono uno scrittore, ma un sopravvissuto”, devolvendo parte del ricavato ai superstiti dell’isola.

QUATTRO COLPI DI PISTOLA. La polizia ha rinvenuto il corpo a circa 200 metri dall’entrata della cascata Bang Pae. Secondo il quotidiano Phuket Wan gli inquirenti sono sulle tracce di “diversi uomini” che avrebbero organizzato l’agguato.

LA CAUSA DI DIVORZIO. Secondo lo stesso quotidiano in questo periodo Butti era impegnato in una causa di divorzio con la moglie thailandese, che avrebbe dovuto concludersi proprio il giorno in cui è stato ucciso.

Ultime notizie