lunedì, 28 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Ritirano la pensione del nonno....

Ritirano la pensione del nonno. Morto da 22 anni

La denuncia arriva dall'istituto di previdenza Inpdap: la somma ''illecitamente incassata'' sarebbe di 300mila euro. E' accaduto a Firenze. La pensione dell'anziano morto nel 1982 è stata riscossa fino al 2004.

-

Muore nel 1982, ma la sua pensione viene riscossa fino al 2004.

LA DENUNCIA. La denuncia arriva dall’Inpdap, la vicenda sarebbe avvenuta a FIrenze. Secondo l’istituto di previdenza, la somma ”illecitamente incassata” dopo la morte dell’uomo ammonterebbe a circa 300mila euro.

PATENTE FALSA. Come detto, dopo la morte dell’uomo, avvenuta nel 1982, la sua pensione sarebbe stata incassata fino al 2004, dunque per 22 anni. Il tutto ”grazie” a una patente falsa che avrebbe reso possibile la riscossione della pensione.

LA VICENDA. Secondo l’Inpdap, il pensionato aveva un conto corrente cointestato con il figlio, che avrebbe continuato a percepire le mensilità. Una volta morto il figlio, i soldi sarebbero arrivati a un consulente finanziario attraverso il nipote del pensionato. L’uomo è ora indagato.

Ultime notizie

Bonus tv, come richiederlo: modulo pdf per televisione e decoder DVB-T2

Addio al vecchio televisore o al vecchio decoder: in arrivo un nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre. Per le famiglie a basso reddito c'è però un voucher per compare nuovi apparecchi

“Cambiare l’acqua ai fiori” di Valerie Perrin. La recensione

Se nei primi capitoli vi sembrerà di saggiare l’acqua con i piedi sul bagnasciuga, scoprirete, man mano che andate avanti, di trovarvi sempre più a largo, nel mare aperto dell’esistenza di Violette

La Fiorentina si fa rimontare e perde a San Siro

Ribery meraviglioso. Disastro Vlahovic

L’Orchestra della Toscana riparte da 20 Intermezzi

Tra la stagione scorsa interrotta dal coronavirus e la prossima ancora da definire, l’Orchestra regionale della Toscana torna sul palco del Verdi con un programma di concerti per l’autunno. 500 i posti disponibili