mercoledì, 22 Settembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaRitrovate due dita e un...

Ritrovate due dita e un dente di Galileo

Ritrovati due dita e un dente di Galileo Galieli. I cimeli, asportati dalla salma nel 1737, erano scomparsi da oltre un secolo. A primavera saranno esposti per la prima volta in occasione della riapertura del Museo di Storia della Scienza.

-

La fortunata scoperta di un collezionista è stata confermata dalla sovrintendenza e dal Museo di Storia della Scienza di Firenze: i resti trovati , due dita e un dente, appartengono a Galileo Galilei.

I cimeli erano stati asportati dalla salma nel 1737 durante la traslazione nella basilica di Santa Croce, e risultavano scomparsi da oltre un secolo.

Il ritrovamento rappresenta un suggello straordinario ed emblematico dell’Anno dell’Astronomia, che ha recato a Galileo, a 400 anni dalle sue sensazionali scoperte astronomiche, quell’omaggio globale, solenne e incondizionato del quale non poté godere in vita.

Tutto il materiale organico prelevato dalla salma è dunque adesso identificato e conservato in mani responsabili in attesa di essere esposto al pubblico a primavera 2010 in occasione della riapertura dopo i radicali lavori di ristrutturazione dell’Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze che assumerà, da quel momento, la denominazione di Museo Galileo

 

 

 

 

 

 

Ultime notizie