lunedì, 29 Novembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaSan Rossore, saluto della Betancourt

San Rossore, saluto della Betancourt

Ingrid Betancourt è intervenuta, con una telefonata, alla prima giornata del meeting di San Rossore, in quello che è stato uno dei momenti più intensi dell'iniziativa. "Voglio aiutare tutti coloro che ancora oggi sono progionieri in Colombia", ha detto. Poi ha aggiunto: "So di non meritare il Nobel".

-

Era uno dei momenti più attesi: la telefonata di Ingrid Betancourt, che dopo il suo incubo personale durato anni – la prigionia in Colombia – ha voluto salutare il pubblico di San Rossore.

“L’unica cosa che chiedo e che voglio è aiutare tutti coloro che ancora oggi in Colombia sono prigionieri, e ho bisogno dell’aiuto di tutti – ha esordito con la voce rotta dall’emozione – Sto vivendo questa liberazione come una sorpresa, non me l’aspettavo, mi stavo preparando ad altri 4 anni di cattività. Insieme a me continuate ad essere luce in quelle tenebre infami. La libertà è fondamentale per avere la pace, e ognuno di noi deve saperlo: quello che fate è importante per chi non ha voce”.

Poi il discorso si è spostato sul Nobel, dal momento che proprio la Toscana è la sede del comitato che sostiene la candidatura della Betancourt per il prestigioso riconoscimento. A ricordarlo alla diretta interessata è stato il presidente della Regione Claudio Martini in persona.

“So quello che fate per me, so di non meritarlo – ha risposto Ingrid Betancourt – ma se tutti gli sforzi ci aiutano a lottare per quelli che soffrono e non hanno libertà nel mondo, ogni secondo, giorno, settimana e anno di questa mia prigionia, che mi sono pesati come una croce pesante da portare, ebbene potranno avere un significato, perché vorrà dire che sono serviti per aiutare gli altri”.

Ultime notizie