domenica, 3 Marzo 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & Politica"Sassi turchini", documentario su una...

“Sassi turchini”, documentario su una casa-vacanza inclusiva

La struttura in oltre dieci anni ha accolto centinaia di persone con disabilità e giovani volontari. Adesso diventa protagonista di un documentario

- Pubblicità -

-

- Pubblicità -
Si chiama “Sassi turchini” ed è una casa-vacanze a Porto Azzurro, sull’Isola d’Elba, dove ragazze e ragazzi di tutte le età si prendono cura di persone disabili e delle loro fragilità. La struttura, che ogni estate da oltre dieci anni accoglie centinaia di persone con disabilità e giovani volontari dell’area fiorentina, della Toscana e di molte altre regioni italiane, è protagonista di un documentario per raccontare a tutti i volti, la quotidianità e le voci di questo progetto nato a Bagno a Ripoli (Firenze).

Il progetto dei “Sassi turchini”

Questa esperienza comunitaria ha preso il via nel 2011 grazie all’APS Gruppo Elba di Bagno a Ripoli, associazione fondata alla fine degli anni ‘70 da don Andrea Faberi, per dare anche ai più fragili la possibilità di trascorrere due settimane all’anno al mare. Una sfida ai pregiudizi grazie a una struttura ricettiva innovativa e interamente dedicata al turismo sociale e accessibile. “Di sicuro un’esperienza di crescita per tutti, che rende le nostre ragazze e ragazzi più adulti e consapevoli. Un’esperienza che lascia il segno e aiuta a dare il giusto valore a ciò che la vita riserva”, ha commentato il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini.

Il documentario

Il film è stato girato lo scorso luglio a “Sassi turchini” ed è stato realizzato anche con il contributo della Fondazione CR Firenze. Nel video prendono la parola alcune anime storiche del Gruppo Elba e i volontari più giovani. Sullo sfondo, le tappe che hanno portato alla nascita dei “Sassi turchini”. Dalla fondazione del Gruppo nel ‘77, alle prime vacanze all’isola del Giglio, e poi, dal 1990, all’isola d’Elba. Poi intorno ai primi anni 2000, prese campo all’interno dell’associazione l’idea di realizzare una struttura propria. Grazie al contributo della comunità ripolese e della parrocchia, dei Comuni di Bagno a Ripoli e Porto Azzurro, della Regione Toscana, oltre a quelli della Fondazione CR Firenze e alle attività di autofinanziamento, la nuova avventura senza barriere è iniziata nel 2011 con l’inaugurazione della struttura dei “Sassi turchini”.

La prima del film, promosso dal Gruppo Elba e realizzato da Edera rivista con la regia di Sofia Milazzo, è andata in scena sabato 13 gennaio all’antico Spedale del Bigallo a Bagno a Ripoli (via del Bigallo e Apparita) e adesso il documentario, della durata di circa mezz’ora, è disponibile sul canale Youtube del Gruppo Elba.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -