Greta Thunberg

Basta parole, servono azioni concrete contro i cambiamenti climatici. È questa la richiesta dei più giovani, che in tutto il mondo si danno appuntamento in piazza per il Climate Strike uno sciopero, venerdì 15 marzo, per il clima indetto dal movimento Fridays For Future.

Una manifestazione globale che coinvolge in primo luogo gli studenti, ma è aperta a tutti coloro che abbiano a cuore il tema del riscaldamento globale: genitori, professori, normali cittadini.

Lo sciopero per il clima a Firenze

A Firenze la manifestazione degli studenti delle scuole superiori e dell’Università partirà alle ore 9.00 da piazza Santa Croce, per poi arrivare in piazza Santissima Annunziata. Né bandiere né simboli, durante il corteo, dicono gli organizzatori, saranno accettati solo  “cartelloni che mettano in risalto il tema dell’emergenza climatica e ambientale”.

Leggi l’aggiornamento: Sciopero per il clima, a Firenze 10mila in piazza

Secondo Fridays For Future Firenze le istituzioni dell’Unione Europea, il governo italiano e le amministrazioni locali hanno “messo il pianeta e il futuro di tutti in secondo piano rispetto agli interessi economici di pochi, esponendoci a rischi che ledono i nostri diritti umani fondamentali a vivere in un ambiente sano”, si legge in un comunicato.

“Fino ad oggi – continua la nota – anche a Firenze e in Toscana le politiche locali non sono state in grado di tutelare il clima ed il territorio. Favorendo opere ad alto impatto ambientale, dannose per il clima e rischiose per la salute dei cittadini, sono andate in direzione opposta a quella necessaria per garantire uno sviluppo sostenibile”.

Greta Thunberg e la nascita dello sciopero degli studenti per il clima

Questa grande marcia internazionale per il clima prende ispirazione da Greta Thunberg, la ragazzina svedese che a soli 16 anni ha iniziato a scioperare perché il problema del riscaldamento globale sia affrontato dai grandi del mondo: il 20 agosto 2018, per la prima volta, si è seduta davanti al Parlamento del suo Paese imbracciando un cartello con su scirro “sciopero della scuola per il clima”.

Poi ha continuato a manifestare ogni venerdì e la sua protesta è stata d’impulso per la nascita dei Fridays for future, movimenti nati dal basso in molti Paesi, non legati ad alcun schieramento politico, e formati soprattutto da studenti giovanissimi, che ora stanno coinvolgendo persone di ogni età.

Sul profilo Facebook del movimento Fridays for Future fiorentino gli aggiornamenti sullo sciopero per il clima di Firenze.