venerdì, 27 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Scuola 2.0: due milioni e...

Scuola 2.0: due milioni e mezzo per digitalizzare le scuole

È stato firmato questa mattina un accordo per stanziare dei fondi per rendere sempre più digitali le scuole con l'acquisto di strumenti e la formazione del personale insegnante.

-

Due milioni e cinquecentomila euro verranno dati alla Toscana per superare la divergenza tra i nativi digitali e l’attuale mondo scolastico.

L’ACCORDO. Si è deciso questa mattina a Roma nella sede del Ministero dell’istruzione, università e ricerca di stanziare due milioni e cinquecentomila euro per la regione Toscana per mandare avanti il processo di digitalizzazione con l’acquisto di strumenti e la formazione del personale insegnante. L’accordo è stato firmato dal ministro Francesco Profumo, dall’assessore all’istruzione della regione Toscana Stella Targetti e dal direttore generale dell’ufficio scolastico regionale per la Toscana, Angela Palamone. Accordi analoghi sono stati firmati da altre undici regioni italiane.

LE RISORSE. All’interno dell’accordo si è definito che un milione e seicentomila euro andranno a finanziare il progetto di [email protected] e con i restanti novecentomila euro si finanzierà [email protected] I progetti prevedono interventi strutturali di modifica degli spazi educativi, l’acquisto di dotazioni Tic (lim, tablet, hardware, software ecc) e si cercherà di sviluppare la formazione degli insegnanti in materia.

GLI OBIETTIVI. Punto fondamentale di questa digitalizzazione scolastica è superare la distanza esistente tra l’attuale linguaggio didattico e quello della società digitale. Il 93% dei ragazzi che vanno a scuola oggi sono “nativi digitali”, ovvero utilizzano le tecnologie dell’informazione e comunicazione (Tic) con molta familiarità. Un utilizzo quotidiano e spensierato che non combacia invece con il mondo scolastico attuale, basato ancora, quasi esclusivamente, su contenuti cartacei. Inoltre si vuole cercare di sfruttare a pieno le potenzialità della rete, rendere le scuole ambienti “multifunzionali” e dare un’adeguata formazione ai docenti.

AL PASSO CON I TEMPI. “Con questo accordo – ha detto l’assessore Targetti – vogliamo investire non solo su strumenti come lavagne interattive multimediali e tablet, ma anche sul metodo di lavoro, su una didattica al passo con i tempi. Queste tecnologie sono usate dai bambini quotidianamente e ora proviamo a portarle nella scuola”.

Ultime notizie

Covid: autocertificazione di domicilio e cosa fare se lo si vuole cambiare

Basta sceglierlo e compilare un'autocertificazione: come cambiare il domicilio, necessario per gli spostamenti in tempi di Covid

River to River 2020, torna (in streaming) il festival di cinema indiano

Ventesima candelina per il festival River to river, che dal 3 all'8 dicembre, offre il meglio del cinema indiano (in streaming)

Quanti contagiati oggi in Italia: ancora un record di decessi, aumentano i casi

I dati del 26 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

Covid in Toscana: i contagi e il bollettino del 26 novembre

Dopo due giorni, sono di nuovo in crescita i dati relativi ai contagi: ecco il bollettino del Covid in Toscana del 26 novembre