domenica, 16 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & Politica''Se non ora quando?'', le...

”Se non ora quando?”, le donne fiorentine si preparano

Anche Firenze si prepara a scendere in piazza domenica 13 febbraio nell'ambito di ''Se non ora, quando?'', la giornata di mobilitazione in difesa della dignità delle donne. Ecco dove si terrà l'iniziativa.

-

Anche Firenze si prepara a scendere in piazza domenica 13 febbraio nell’ambito di ”Se non ora, quando?”, la giornata di mobilitazione in difesa della dignità delle donne. Nella città del Giglio, l’appuntamento è alle 14 in piazza dei Giudici, con il corteo che proseguirà fino a piazza della Repubblica.

VADEMECUM. Questo il “vademecum della mobilitazione”, pubblicato sul blog dell’iniziativa:

– La manifestazione non è fatta per giudicare altre donne, contro altre donne, o per dividere le donne in buone e cattive. I cartelli o striscioni ne terranno conto.
– La manifestazione è fatta per esprimere la nostra forza e la nostra determinazione.
– Siamo donne fiere e orgogliose. Chiediamo dignità e rispetto per noi e per tutte. Siamo gelose della nostra autonomia e non ci lasceremo “usare”. Per questo non ci devono essere simboli politici o sindacali nei nostri cortei: vogliamo che sia anche rispettata la nostra “trasversalità”.
– La manifestazione è promossa dalle donne, ma – come diciamo nel nostro appello – la partecipazione di uomini amici è richiesta e benvenuta.
– Cercheremo di parlare prima di tutto alle giovani e ai giovani, di coinvolgerli e di portarli in piazza.
– Non è previsto alcun segno di riconoscimento (oggetti, fiocchi, sciarpe, colori..), solo il logo della manifestazione creato da Maddalena Fragnito disponibile on line.
– Il logo può essere usato per fare magliette, spillette, bandiere, manifesti e tutto quel che di creativo vi viene in mente.

PARTITO DEMOCRATICO. E anche il Pd metropolitano ha aderito alla mobilitazione del 13 febbraio. “Il 13 febbraio, in piazza, non ci saranno soltanto le donne. E’ giusto esserci tutti”. Così il segretario metropolitano del Pd di Firenze, Patrizio Mecacci, annuncia la sua adesione personale e quella del partito a “Se non ora, quando?”, la giornata di mobilitazione in difesa della dignità delle donne. “Il mondo femminile subiva già alcune ingiustizie inaccettabili, come stipendi più bassi a parità di ruolo con gli uomini e difficoltà nell’avanzamento di carriera. Ma per il presidente del consiglio e alcuni suoi amici dell’ “utilizzo finale” – dice Mecacci – evidentemente non bastava ancora: così stanno dando vita a uno spettacolino da tardo impero in cui, nel migliore dei casi, la donna figura come ornamento. E l’ora di dire basta e il 13 febbraio il Pd lo griderà insieme alle donne fiorentine”.

Ultime notizie