venerdì, 14 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaSogliole tossiche nel Santuario dei...

Sogliole tossiche nel Santuario dei Cetacei

Livelli di mercurio ben al di sopra del limite massimo per il consumo umano (in alcuni casi addirittura del doppio), idrocarburi e bisfenolo. Nel Santuario dei Cetacei, il tratto di mare su cui affacciano Liguria, Sardegna e Toscana, è invaso da sogliole tossiche. La denuncia di Greenpeace.

-

E’ allarme sogliole tossiche nel Santuario dei Cetacei, un quadrilatero di mare compreso tra le coste liguri, toscane e francesi, che si estende fino alla Sardegna. I pesci pescati nell’area protetta hanno rivelato alte dosi di elementi inquinanti, come metalli pesanti, idrocarburi policiclici aromatici e bisfenolo.

LA DEUNCIA DI GREENPEACE. Le analisi, commissionate da Greenpeace al Dipartimento di Scienze Ambientali dell’Università di Siena, sono state effettuate su 31 esemplari prelevati in 5 aree al largo di Civitavecchia, Viareggio, Livorno, Lerici (La Spezia) e Genova. Fra i risultati più preoccupanti il dato sul mercurio trovato oltre il limite di legge nel 25% dei campioni (7 esemplari su 31).

MERCURIO OLTRE I LIMITI A VIAREGGIO. A Viareggio uno dei casi più gravi: in una delle sogliole pescate la concentrazione di mercurio supera del doppio il limite massimo per il consumo umano, mentre in altri due casi è il piombo a sforare.

IDROCARBURI A LIVORNO. A Livorno, invece, sono stati trovati i campioni con i più alti valori dei sei idrocarburi policiclici aromatici cancerogeni (accertati o potenziali) testati nell’indagine.

DANNI A CERVELLO E RENI. “Alcune sostanze, come il piombo e il mercurio, possono interferire – dichiara Vittoria Polidori responsabile delle campagna Inquinamento di Greenpeace – con il normale sviluppo del cervello dei bambini e arrecare danni al sistema renale, oppure essere addirittura cancerogene”.

L’APPELLO. Operazioni concrete contro l’inquinamento marino entro ottobre 2011. E’ la richiesta di Greenpeace, che si aspetta di veder pubblicati entro tale data i primi risultati sullo stato di conservazione delle popolazioni di mammiferi nel Santuario.

Ultime notizie